«Vuoi la cocaina?», turista tedesco gli dice di no: lo spacciatore gli spacca una mandibola a pugni

Sul lungomare della nota località balneare, un pusher ha reagito con violenza colpendo ripetutamente al viso il malcapitato turista

«Vuoi la cocaina?», turista tedesco gli dice di no: lo spacciatore gli spacca una mandibola a pugni

Pugni diretti al viso per aver detto no all'acquisto di cocaina. Botte così violente da rompere la mascella ad un turista tedesco, in vacanza a Riccione, ricoverato nel reparto maxillo facciale dell’ospedale Bufalini di Cesena, per la ricostruzione della mandibola. Un episodio brutale, avvenuto in pieno giorno sul lungomare di Riccione, dove il 38enne della Germania, avrebbe subito la furia di uno spacciatore, che al no del tedesco si sarebbe scatenato a suon di cazzotti.

Sbatte contro un palo con la moto: Francesco muore a 17 anni. «Stava andando a ritirare il suo casco nuovo»

Un no alla droga che scatena la violenza

Secondo il racconto della vittima all'ospedale di Cesena, il pusher gli avrebbe chiesto in un inglese stentato di comprare della droga, a cui il tedesco avrebbe risposto con un secco no, aggiungendo gesti e parole, che forse il pusher non ha compreso e che hanno scatenato una reazione violenta nei suoi confronti. Il tedesco sarebbe stato colpito diverse volto al volto, subendo un pestaggio che gli ha rotto la mandibola.

Ucciso e fatto a pezzi dalla moglie con l'accetta, lei: «Voleva portare l'amante in casa»

L'intervento alla mandibola

Il tedesco, tornato in hotel che ha chiamato il 118, chiedendo un'ambulanza che lo ha portato all'ospedale di Cesena, dove dopo il racconto del trauma subito è scattata la denuncia dell'aggressione. A Cesena, l'uomo è stato sottoposto ad un delicato intervento di ricostruzione della mandibola.

Vip usano parole dure contro Riccione

Nei giorni scorsi, il rapper Emis Killa aveva bocciato pesantemente Riccione («dopo le 18 devi aver paura» aveva scritto) paragonata a Marsiglia in termini di insicurezza e poi anche Francesco Facchinetti aveva detto che la località balneare dell'Emilia Romagna non sarebbe divenuta meta di vacanza con la famiglia perché pericolosa. «Chi dice che è una città sicura dice una bugia. Non ci sono controlli. Potrebbero portarti via qualunque cosa in questo posto, io ho il diritto di andare in giro anche con un lingotto d’oro in mano, questo non giustifica che debba essere rapinato» le parole di Facchinetti sui social. 

Ma proprio in questi giorni a rispondere alle polemiche, è stata Daniela Angelini, la sindaca di Riccione che ha querelato Emis Killa per diffamazione, che ha sottolineato la diminuzione dei reati, con una diminuzione del 12% rispetto allo scorso anno. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 31 Agosto 2022, 14:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA