Referendum, giustizia al bivio: dalla Severino alle carriere delle toghe, i cinque quesiti in cerca di quorum

Referendum, giustizia al bivio: dalla Severino alle carriere delle toghe, i cinque quesiti in cerca di quorum

di Alessandra Severini

Cinque quesiti sulla giustizia attendono gli elettori in questa domenica di election day. Il 12 giugno, infatti, dalle 7 alle 23 si vota non solo per la scelta dei sindaci in circa mille comuni ma in tutta Italia si voterà sui 5 referendum abrogativi sostenuti da Lega e Radicali. Bisogna tenere bene in mente che chi vuole mantenere in vigore le norme oggi esistenti deve barrare il No' sulle schede. Chi vuole invece abrogarle deve barrare il Si'.

Elezioni, domenica si vota in mille comuni: Meloni cerca il sorpasso alla Lega, Letta testa l'alleanza col M5S

Le schede saranno cinque di colori diversi (rosso, arancione, giallo. grigio e verde). Perché il referendum sia valido deve votare la maggioranza (50%+1) degli aventi diritto. Negli ultimi anni nessun referendum ha raggiunto questo obiettivo. L'ultimo fu quello sull'acqua pubblica del 2011. Sente odore di flop Matteo Salvini che polemizza: «Non mi sono accorto che dalle massime cariche dello Stato sia arrivato un promemoria agli italiani sul referendum. Spero che da qui a domenica il presidente della Repubblica e il presidente del Consiglio si limitino quanto meno a ricordare che votare al referendum è un diritto. Chi non vota poi non si lamenti se la giustizia non cambia per i prossimi 30 anni». Prima ancora il leader leghista si era scagliato contro l'obbligo di mascherina (ma il Viminale in una circolare ha chiarito che l'uso delle mascherine è solo fortemente raccomandato) e con la scarsa copertura mediatica.


Per il Sì al referendum, oltre a Radicali e Lega sono schierati Forza Italia, Azione e Italia Viva. FdI è contrario a due dei cinque quesiti. Per il M5s invece l'indicazione è votare no: «Sembrano una sorta di vendetta della politica nei confronti della magistratura ha detto Giuseppe Conte - La magistratura deve essere riformata ma non certo in questi termini e con queste modalità». Libertà di voto per il Pd anche se il segretario Letta ha annunciato i suoi cinque No.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 10 Giugno 2022, 10:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA