Rallista morto per un malore durante una gara: riesce a fermare l'auto e salva la vita della figlia

Rallista morto per un malore durante una gara: riesce a fermare l'auto e salva la vita della figlia

Il secondogenito 13enne stava aspettando ai box l'auto con il papà e la sorella

 Michele Bortignon, il pilota di rally 58enne bassanese deceduto davanti alla figlia 21enne in auto con lui come navigatrice durante 17° Rally Storico Campagnolo che si tiene nel vicentino, ha compiuto un gesto eroico prima di morire per colpa di un malore, probabilmente un infarto. L'uomo, infatti, è riuscito ad accostare prima di perdere conoscenza salvando la vita alla sua primogenita che gli stava accanto. 

 

Vicenza, malore durante il rally: pilota muore davanti alla figlia 21enne che faceva da navigatrice

 

 

L'uomo, che di lavoro faceva il metalmeccanico e aveva da sempre una grande passione per le auto, era tornato al volante delle auto da rally dopo un lungo periodo di inattività. Il malore è avvenuto mentre il pilota stava percorrendo la tappa di trasferimento a conclusione della prova speciale 3 Recoaro Mille. Oltre alla figlia 21enne, l'uomo si era fatto accompagnare anche dal figlio 13enne  che lo aspettava al box di sosta e che non ha visto direttamente l'accaduto.

 

Nonostante gli immediati soccorsi messi in atto dall'organizzazione del rally e dal 118, non si è potuto far altro che constatarne il decesso. La gara era organizzata da Rally Club Team Isola Vicentina in collaborazione con l' Automobile Club di Vicenza. «L'organizzatore Renzo De Tomasi, il presidente di Aci Vicenza Luigi Battistolli e la direzione gara sono vicini ai familiari in questo particolare momento», si legge in una nota.

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 30 Maggio 2022, 13:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA