Ragno violino, il calvario di Maria dopo il morso: «Dolore lancinante. Ho pensato di morire»

Ragno violino, il calvario di Maria dopo il morso: «Dolore lancinante. Ho pensato di morire»

«Sono stata malissimo, avevo paura di morire». Inizia così il racconto di Maria Piscitelli, 51enne insegnante di scuola media, che due settimane fa è stata morsa da un ragno violino mentre si trovava in uno sgabuzzino esterno nel giardino di casa.

Ragno violino, ragazza morsa a Collecchio mentre prende il sole



La donna, che vive a Tre Ponti, una frazione di Pesaro, ha deciso di raccontare il calvario vissuto a Marco D'Errico de Il Resto del Carlino. A cominciare dalla puntura: «Ho subito sentito qualcosa al collo, pensavo fosse una grossa zanzara, ce ne sono tante in giardino, come in ogni casa immersa nel verde e nella campagna. Il dolore, però, era lancinante e intorno alla puntura la pelle si era arrossata, fino a diventare violacea, come fosse un'ustione. Il giorno dopo, ancora dolorante, sono andata dalla guardia medica e mi hanno prescritto una terapia di antibiotici e cortisone. Ma per dieci giorni ho dovuto convivere con gonfiore, prurito in più parti del corpo e tachicardia».

Per riprendersi, c'è voluto molto tempo, tra l'altro in un periodo in cui la professoressa Piscitelli era alle prese con scrutini e riunioni scolastiche: «Ho temuto il peggio: il solo pensiero che mi sia andato sul collo, senza che me ne accorgessi, mi fa rabbrividire. Il ragno l’ho recuperato e consegnato all’Asur, che mi ha confermato che si trattava del famigerato violino. Lo stesso medico, che mi ha prestato le prime cure, ha raccontato che anche lui era stato punto a un piede da questo ragno, soffrendo per molti giorni le conseguenze».

«Sono stata fortunata, perché ho reagito bene alle cure e dopo dieci giorni prurito e gonfiore sono scomparsi. Ho vissuto un'esperienza difficile da dimenticare» - aggiunge Maria Piscitelli - «All'Asur mi hanno dato un potente insetticida fumogeno, da usare nel locale in cui ho rinvenuto il ragno con cadenza settimanale. Ma sono ancora molto preoccupata, il ragno violino potrebbe annidarsi ovunque e spero che il Comune intervenga nella mia zona con una disinfestazione efficace: la puntura di questo ragno può essere davvero pericolosa».
Venerdì 5 Luglio 2019, 13:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA