Cremona, giovane di 18 anni scrive alla mamma prima di essere intubato: «Non ti lascerò sola»

Il coronavirus colpisce anche i giovani. Mattia ha 18 anni ed è stato ricoverato in terapia intensiva all’ospedale di Cremona in coma farmacologico. Nelle città più colpite dal Covid 19 si scopre giorno dopo giorno che la malattia non è pericolosa soltanto per gli anziani. Questo ragazzo non ha neanche vent'anni. Il 16 marzo aveva la febbre, poco dopo al pronto soccorso gli hanno diagnosticato la polmonite e sono cominciate le crisi respiratorie.

Leggi anche > Assalto ai supermercati e fuga senza pagare alle casse
Leggi anche > Coronavirus, la strage di medici. I sindacati: «Eroi sì, non martiri». Scattano le denunce in Procura
 
 


La mamma Ombretta, come ha raccontato Enrico Galletti sul Corriere della Sera, ha ricevuto un ultimo messaggio su WhatsApp da suo figlio la sera del ricovero: «Tra poco mi intubano. Stai tranquilla, non ti lascerò sola. Ti amo, mamma, lotterò per te e per Anastasia. Devo andare».

Un altro degli aspetti più terribili di questa pandemia è la necessità di separare i malati dai loro cari. La mamma  aspetta ogni sera una chiamata per il bollettino: «Poi riattacco e spero che non suoni più: significherebbe un peggioramento». Le condizioni restano stabili.

Il mondo della scuola ha deciso di far arrivare al giovane studente tutto il sostegno possibile. Chiedo - dice il provveditore Fabio Molinari in un video - di rivolgere un pensiero e, a chi crede, di recitare una preghiera per Mattia, un nostro studente che si trova ricoverato all’ospedale di Cremona in condizioni piuttosto gravi». 
Ultimo aggiornamento: Sabato 28 Marzo 2020, 11:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA