Ragazzi morti a Terni, i genitori di Flavio e Gianluca: «Amici per la pelle, non pensavamo fossero in questi giri»

di Alessia Strinati
Il mix di droghe potrebbe essere stata la causa della morte di Flavio e Gianluca, anche se solo le analisi post mortem potranno confermare quanto è accaduto. I due ragazzi, di 15 e 16 anni di Terni, avrebbero assunto codeina o metadone per poi tornare a casa ed essere trovati morti dalle loro famiglie la mattina successiva.

Leggi anche > Il dramma di Arianna, la «bambina di legno»: l'ospedale non paga risarcimento, i genitori in sciopero della fame



Indagato un 41enne che avrebbe venduto loro la droga che ha ammesso le sue colpe. Sconvolte le famiglie per l'accaduto che descrivono i ragazzi come persone per bene e mai avrebbero pensato potessero far parte di certi giri. In un'intervista a il Corriere della Sera il padre di una delle vittime racconta che erano ragazzi come tanti, il figlio Flavio era appassionato di fisica quantistica e amava il rugby: «E poi c’era la sua amicizia forte con Gianluca. Amici per la pelle, inseparabili. Flavio stava a cena più a casa sua che da noi».

I due erano inseparabili, tanto che il papà di Flavio aveva deciso di organizzare un viaggio con il figlio e alcuni ragazzi della sua comitiva, tra cui ovviamente Gianluca, un viaggio però che non potranno mai più realizzare. 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 9 Luglio 2020, 15:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA