Terni, ragazza stuprata in un parcheggio: arrestato un egiziano di 18 anni

Ci sono «elementi di responsabilità concreti ed evidenti», secondo gli investigatori, nei confronti di un egiziano di 18 anni arrestato dai carabinieri di Terni con l'accusa di essere l'autore dello stupro di una giovane italiana avvenuto nelle prime ore del 30 giugno scorso in un parcheggio del parco Chico Mendes, alla periferia della città, al termine di una festa in discoteca. L'uomo avrebbe abusato della giovane anche approfittando del fatto che era ubriaca. A meno di due settimane dal fatto la procura ha ottenuto dal gip Margherita Amodeo una ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico dello straniero, incensurato e regolarmente in Italia, fino a pochi mesi fa ospite di una comunità per minori non accompagnati della provincia e attualmente domiciliato presso alcuni connazionali a Terni, dove lavora in un bar.

Mantova, ragazza di 21 anni stuprata dal branco dopo la notte in discoteca

Ragazza di 15 anni violentata da tre giovani in un ex manicomio

Il primo passo per arrivare a lui è stata la testimonianza della vittima della violenza e delle sue amiche, che hanno fornito all'Arma una descrizione del giovane e degli abiti indossati. Sono stati quindi acquisiti filmati e foto della serata, nei quali l'egiziano è stato riconosciuto. E sulla base dell'ipotesi che non fosse italiano, è stata consultata la banca dati dei permessi di soggiorno della questura, grazie alla quale i carabinieri sono riusciti ad identificarlo. Il giovane, rintracciato nel bar dove lavorava, è stato poi pedinato giorno e notte, fino a quando non è stato notato con la stessa maglietta indossata la notte della violenza (sequestrata nella sua abitazione). Determinanti per identificarlo anche i tabulati telefonici, visto che il cellulare del diciottenne, nella notte tra il 29 e il 30 giugno, ha agganciato - è emerso dagli accertamenti - la cella della zona del Chico Mendes, nella quale è assente invece un sistema di videosorveglianza.

«C'è stato un riconoscimento inoppugnabile da parte della vittima, la ricostruzione della quale è stata sempre coerente, calibrata e credibile» ha detto nel corso di una conferenza stampa il procuratore capo di Terni, Alberto Liguori. Intervenuto insieme al comandante provinciale dell'Arma, Davide Rossi, e a quelli del Nor e del Reparto operativo, Mirco Marcucci e Stefano Verlengia. Per il procuratore lo stupro è stata la conseguenza «di una miscela esplosiva composta da alcool, gioventù, incoscienza e malvagità». Il ragazzo avrebbe infatti approfittato dello stato di alterazione della ventenne causato dall'alcol, 'agganciandolà dentro al locale per poi invitarla a raggiungere insieme un vicino parcheggio e quindi abusare di lei. «Mi ha costretto, ho paura», il messaggio che la ragazza ha inviato ad un'amica pochi minuti dopo la violenza. Anche questo per gli inquirenti segnale della genuinità del suo racconto.
 
Giovedì 11 Luglio 2019, 21:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA