Ragazza di 16 anni attirata in una trappola e stuprata dal branco degli stranieri
di Manlio Biancone

Ragazza di 16 anni attirata in una trappola e stuprata dal branco degli stranieri

  • 580
    share
Sono tre marocchini, entrambi regolari, maggiorenni, i presunti autori dello stupro della ragazza 16enne, italiana, avvenuto a dicembre del scorso anno in un vicolo di un paese a pochi chilometri da Avezzano. Il drammatico episodio, emerso solo ora dal riserbo delle indagini, verrà ricostruito a giorni, davanti al Gip del Tribunale di Avezzano, durante un incidente probatorio. Due gli indagati (il terzo sembrerebbe irreperibile) per violenza sessuale. Sono A.C., 26 anni, difeso dall’avvocato Francesco Olivieri, e A.M., 24 anni, assistito dagli avvocati Luca e Pasquale Motta. Gli stranieri conoscevano la ragazza e sembra che la frequentassero anche da qualche mese. Decisivo è stato il racconto della minorenne prima al padre e alla madre e poi ai militari che hanno raccolto una dettagliata denuncia. Dopo la segnalazione al magistrato inquirente sono state attivate subito le indagini e sono stati rintracciati i due extracomunitari. Il terzo giovane invece sembra che sia riuscito a far perdere le tracce.

Dopo lunghe e complesse indagini i militari hanno ricostruito la violenza sessuale. L’aggressione sarebbe avvenuta di sera in un vicolo isolato del centro marsicano, in una zona dove non passava nessuno. Mentre uno del gruppo avrebbe costretto al rapporto sessuale la minore, gli altri due avrebbero fatto da palo per controllare che nessuno arrivasse. Nella richiesta della Procura al Gip si legge: «Il gruppo costringeva la minore a seguirli in un vicolo con una scusa e A.C. la spogliava e la costringeva ad un rapporto sessuale». Al termine del rapporto il gruppo le avrebbe intimato: «Non dire nulla del rapporto sessuale altrimenti ti faremo del male». Lei, sconvolta, li avrebbe anche rassicurati dicendo che non avrebbe detto nulla. Secondo il magistrato i due avevano «pianificato la violenza» nei minimi dettagli. Un’azione che lascia pensare che gli indagati non fossero nuovi a questo tipo di reato. Tutt’altra la versione dei marocchini indagati per violenza. Hanno raccontato che già altre volte uno di loro aveva avuto rapporti sessuali con la minore e si frequentavano. Ora tutta la brutta vicenda verrà ricostruita durante l’incidente probatorio alla presenza del Gip del Tribunale e di una psicologa. Il racconto della ragazza sarà determinante per cristallizzare gli avvenimenti e per il riconoscimento degli extracomunitari indagati per violenza sessuale e minacce.
Giovedì 6 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 10:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-09-07 15:34:34
Solo un matto nn da ragione a salvini
2018-09-06 12:22:22
una volta confermato che siano stati realmente loro, sfido a dire che alla fine il buon Salvini non ha ragione.
DALLA HOME