Ragazza cinese insultata al ristorante: «Mandatela via, ci infettano». Il fidanzato italiano scrive al sindaco

Ragazza cinese insultata al ristorante: «Mandatela via, ci infettano». Il fidanzato italiano scrive al sindaco

Era entrato in un ristorante con la sua fidanzata, una ragazza di origini cinesi. Ma una volta dentro, la giovane è stata apostrofata da alcuni clienti in maniera pesante, con frasi poco carine riguardo il coronavirus e presunti pericoli di contagio: accade a Siena, dove Marco Allegri, manager di una business company con sede a Hong Kong, ha denunciato il tutto in una lettera aperta al sindaco Luigi De Mossi.

Leggi anche > Italiana sulla Diamond Princess: «Test febbre ogni 4 ore»

L'episodio è avvenuto sabato scorso, riferisce il quotidiano La Nazione: nella lettera Allegri racconta di essere entrato nel ristorante in zona centro storico e che, appena aperta la porta del locale, «siamo stati aggrediti verbalmente da un gruppetto di uomini sulla quarantina che dal bancone del bar inveiva contro la mia fidanzata cinese con parole del tipo 'attenzione mettiamoci la maschera', 'mandateli via che ci infettano' e tante altre frasi ignoranti». Nella lettera il manager sottolinea come «nessuno da parte del locale abbia provveduto a far tacere tali personaggi» e «questo mi porta a pensare che quindi fosse un comportamento accettato da tutti i presenti».

Leggi anche > Burioni: 
«Speriamo che la Cina non bari sui numeri»

La lettera prosegue: «Data la situazione offensiva (dove ho reagito verbalmente cercando di difendere la mia fidanzata), sono uscito immediatamente dal ristorante, riprendendo poi l'auto e abbandonando Siena che mi ha lasciato un certo dispiacere». E conclude con un appello al sindaco: «Sono consapevole che un episodio isolato non è significato di un modo di pensare globale della collettività di Siena, ma le segnalo questo episodio in modo tale che da primo cittadino venga informato dei fatti e sappia che una coppia di turisti è rimasta delusa della vostra città».
 
 

LA RISPOSTA DEL SINDACO Immediata la risposta di De Mossi che, informato dell'accaduto, è intervenuto in prima persona: «Abbiamo appreso che si è verificato un evidente caso di razzismo in un ristorante della città di Siena. Nel dispiacerci e nello scusarci per l'increscioso incidente, invitiamo tutti a non esasperare gli animi, a rispettare tutti i visitatori e a mantenere la nostra tradizionale accoglienza».
 

Si sono detti molto dispiaciuti anche i titolari del ristorante, ai quali la segnalazione dell'episodio di intolleranza sarebbe arrivata soltanto ieri. «Sabato scorso il locale era affollato - raccontano a La Nazione - e eravamo a lavoro nell'altro ristorante. Quando ci hanno informato del fatto, abbiamo chiesto chiarimenti ai dipendenti. Ci hanno detto che è entrata nel locale questa coppia e che l'hanno fatta accomodare al tavolo. Quando sono tornati per prendere l'ordinazione, i due fidanzati erano già andati via. Sorpresi, hanno chiesto a un gruppo di ragazzi seduti là vicino cosa fosse successo e loro hanno spiegato di aver fatto alcune battute e che a quel punto la coppia si era alzata allontanandosi»
Ultimo aggiornamento: Martedì 11 Febbraio 2020, 12:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA