Diciassettenne accoltella una coetanea e compagna di scuola per gelosia: incastrata da un video

Diciassettenne accoltella una coetanea e compagna di scuola per gelosia: incastrata da un video

Con ferocia da tigre dopo alcune frasi sicuramente non gradevoli si è gettata addosso alla rivale, colpevole di aver avuto uno scambio di effusioni col suo fidanzato (o presunto tale), si è aggrappata ai capelli della sua coetanea di 17 anni gettandola a terra e cominciando il pestaggio. Scambio di botte e poi la giovane ha tirato fuori un coltello a lama seghettata e l'ha conficcato nell' addome della rivale.

La sua casa è occupata dai romeni, lui dorme in garage. «Pago il mutuo, loro hanno più diritti di me»​

Due giorni fa tutto è stato ripreso dalle telecamere di videosorveglianza in piazza Umberto a Gela e le indagini serrate dei carabinieri hanno portato l'indagata a costituirsi: è stata fermata per porto abusivo di arma e tentativo di omicidio. Un'azione violenta che era stata pianificata, sostiene l'accusa, perche la ragazza ha comprato il coltello a serramanico di quelli usati dai cacciatori il giorno prima in un negozio di ferramenta. La vittima è stata operata ed è fuori pericolo.

Le due ragazze frequentano lo stesso corso per estetista. L'accoltellatrice, su disposizione del procuratore per i minorenni di Caltanissetta, Laura Vaccaro, è stata portata nel carcere minorile nisseno. Dopo le botte e i calci e l'accoltellamento la ragazza prima di lasciare la piazza ha rovesciato il contenuto dello zaino della vittima per terra.

 
«Un gesto non istintivo ma premeditato», ha detto il sostituto della Procura minorile Stefano Strino.  La sera del 3 dicembre la giovane indagata aveva incrociato per strada e inveito contro la rivale e, secondo gli investigatori, voleva avventarsi contro di lei, ma non era riuscita ad aggredirla perché l'altra si era allontanata. La mattina dopo è esplosa la violenza.

Nella conferenza stampa, stamattina a Caltanissetta, in cui sono stati diffusi alcuni dettagli sul caso, Strino ha aggiunto:
«È un fatto che lascia inorriditi perché coinvolge due minorenni ed è dettato da motivi futili visto che parliamo di fidanzamenti tra minorenni che nascono e muoiono rapidamente».

«A Gela la videosorveglianza assume un ruolo fondamentale anche per far fronte a un tipo di criminalità diverso rispetto a quello che siamo abituati a combattere nella nostra provincia», ha detto il comandante provinciale dei carabinieri di Caltanissetta, colonnello Baldassare Daidone.
Giovedì 6 Dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME