Omicron, il virologo Pregliasco a Leggo: «Attenti, con questa variante rischia anche l’Italia»

"Da noi per ora la crescita è contenuta grazie ai vaccini"

Omicron, il virologo Pregliasco a Leggo: «Attenti, con questa variante rischia anche l’Italia»

di Valeria Arnaldi

Un milione di contagiati Omicron entro fine mese nel Regno Unito. Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario Irccs Istituto Galeazzi e professore Università di Milano, quanto è preoccupante questa variante?

«La caratteristica di maggiore contagiosità di tale variante è elemento ormai certo e, peraltro, per ora avevamo indicazioni da popolazioni “giovani”, con minore coinvolgimento di soggetti fragili, quindi aspettiamo un incremento quantitativo numerico. E anche se speriamo che la percentuale di casi gravi si confermi bassa, in termini assoluti la problematica può essere non da poco. Se è lo 0,1% ma abbiamo 50mila casi è chiaro che il numero assoluto diventa rilevante».

Quindi, nonostante la forma più lieve, c’è poco da stare tranquilli?

«Sì, è una variante pericolosa e bisogna stare attenti come prima».

Come è la situazione di Omicron nel nostro Paese?

«Quello che si sta verificando da noi è un incremento lineare e non esponenziale, che ritengo legato sia all’elevata quota di vaccinati in Italia sia a una serie di interventi che purtroppo limitano la libertà dei singoli ma hanno effetti positivi in termini di tutela».

Il “tetto” del milione di contagi britannico è possibile anche nel nostro Paese?

«È uno scenario che dobbiamo immaginare. In prospettiva, a seguire, potremmo raggiungere anche noi quella soglia».

Quindi, se in Gran Bretagna sarà tra un mese, da noi potrebbe essere tra due?

«Esatto».

E c’è il tema dei soggetti fragili.

«Sì, ci mancano ancora informazioni in tal senso».

Alcuni pensano che, essendo una forma più lieve, potrebbe essere “utile” prenderla.

«Farlo è una roulette russa».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 15 Dicembre 2021, 13:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA