«Pizza al Coronavirus», lo spot satirico è disgustoso: la tv francese si scusa dopo le polemiche VIDEO

«Pizza al Coronavirus», lo spot satirico è disgustoso: la tv francese si scusa dopo le polemiche VIDEO

L’emergenza coronavirus ora ci provoca anche delle prese in giro in televisione: il canale francese Canal Plus ha infatti mandato in onda uno che sbertuccia gli italiani. Nel video si vede un pizzaiolo, presumibilmente italiano, che sforna una deliziosa pizza: poco dopo però la deliziosa pizza diventa disgustosa, perché il pizzaiolo, dopo un forte colpo di tosse, sputa il suo catarro proprio sulla pizza. «Pizza Corona, la nuova pizza italiana che farà il giro del mondo», recita il claim. ​La denuncia è arrivata dalla leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni.
 

Leggi anche > Coronavirus, gli aggiornamenti in diretta

Lo spot è andato in onda su Groland Le Zapoi, storica trasmissione satirica francese di Canal Plus, nella puntata dello scorso 29 febbraio: il video satirico fa parte di una serie di inserti in cui si ironizza anche sulle contromisure francesi all'epidemia. Ne 'I francesi e la quarantena', gli autori scherzano anche su come i francesi interpretano le norme di prevenzione dettate dalle autorità, dal saluto evitando le strette di mano alle nuove abitudini della vita sociale. 

Leggi anche > Spallanzani: «11 ricoverati. Contagi collegati con le aree del Nord»

Dopo le polemiche un portavoce del gruppo televisivo francese ha affermato che «Canal+ si scusa con i nostri amici italiani per la trasmissione di una breve sequenza di pessimo gusto, soprattutto nel contesto attuale, facendo un riferimento caricaturale all'Italia in un programma satirico». Il portavoce ha anche specificato che «questa sequenza è già stata rimossa da tutte le repliche e riproduzioni del canale». «Canal+ invierà oggi pomeriggio una lettera di scuse all'Ambasciatore italiano a Parigi».

Leggi anche > Contagio poliziotto collegato al concerto del 14 febbraio al Forum

Poco prima, fonti diplomatiche francesi si erano dissociate dal video satirico della tv transalpina: «L'Ambasciata di Francia in Italia si dissocia totalmente dalla satira comparsa nella trasmissione di un canale televisivo privato francese che non corrisponde in alcun modo al sentimento delle autorità e del popolo francesi. La Francia esprime la propria solidarietà all'Italia di fronte all'emergenza legata al coronavirus», hanno riferito le fonti all'ANSA.

MELONI FURIOSA Il filmato è stato condiviso su Twitter proprio dalla Meloni, furiosa per quelle immagini: «Video “satirico” disgustoso mandato in onda dalla famosa TV francese Canal+ per insinuare che i prodotti Made in Italy sono contaminati da coronavirus. Disprezzo per gli autori di questa immondizia anti italiana. Il Governo PD-M5S avrà la decenza di far sentire il proprio sdegno?», twitta la leader di Fdi.


Nelle puntate dei giorni scorsi del videogiornale satirico ambientato dal 1992 nell'immaginario Principato del Groland, si ironizza anche sulla serata finale dei Cesar e sullo shock del premio per il miglior film a Roman Polanski accusato di violenze sessuali, con conseguente uscita dalla sala dell'attrice Adele Haenel per protesta.

Poi un secondo tweet è arrivato dopo la rimozione dello spot: 
 


Dopo la denuncia della Meloni anche gli altri partiti si erano accodati nella richiesta di rimozione dello spot.

DI MAIO: INACCETTABILE «Considero il video diffuso da una tv francese di dubbio gusto e inaccettabile. Comprendo la satira e capisco tutto, ma prendersi gioco degli italiani in questo modo, con l'emergenza del Coronavirus che stiamo affrontando è profondamente irrispettoso. Come ministero degli Esteri abbiamo immediatamente attivato la nostra ambasciata a Parigi. Esigiamo rispetto, soprattutto in una situazione delicata come questa», il post su Fb del ministro degli Esteri Luigi Di Maio riferito al video satirico di Canal+.
 


«Invito gli autori del programma a venirsi a mangiare una pizza in Italia, una pizza come non l'hanno mai mangiata nella loro vita. Li invito a rispettare i nostri prodotti e il Made in Italy, eccellenze che non hanno pari nel mondo», continua il titolare della Farnesina nel post su Facebook. «Soprattutto in queste circostanze, come ho ripetuto più volte, i media avrebbero l'obbligo morale di fornire una informazione corretta e trasparente sulla reale dimensione del fenomeno in Italia. Purtroppo non è quello che sta accadendo e questo sta danneggiando la nostra economia e i nostri imprenditori. Questo video, che non pubblico per non contribuire alla sua diffusione, malgrado sia satirico, ne è la dimostrazione», conclude Di Maio.

BELLANOVA: CHIEDEREMO LE SCUSE «Il video andato in onda in Francia durante una trasmissione di Canal+ è vergognoso e raccapricciante. Davanti al momento di crisi e difficoltà che non solo il nostro Paese ma l'Europa intera sta affrontando, media e televisioni dovrebbero informare i cittadini, raccontando la verità. Basterebbe quello. Invece si sceglie di denigrare un intero Paese». È quanto dichiara su Facebook la ministra delle Politiche Agricole, Teresa Bellanova, riferendo che sulla vicenda sono stati attivati i canali diplomatici e che ora si aspetta delle scuse. «Questa non è satira, è un'offesa - denuncia Bellanova - ad un'intera nazione, è una evidente mistificazione dei fatti. È il populismo fatto immagine».
 


«Si mandano in onda fake news per diffondere paura, dividere, creare barriere ma anche legittimare la concorrenza sleale. Noi non ci stiamo». «Ed il coronavirus, come ribadito più volte dalle autorità europee ed internazionali, non si trasmette tramite cibo. I nostri prodotti - sottolinea Bellanova - sono sicuri, di altissima qualità, e lo certificano i controlli che effettuiamo ogni giorno, fra i più stringenti al mondo. Ho attivato i canali diplomatici per segnalare il contenuto mandato in onda e capirne genesi e portata. Nel frattempo, mi aspetto che Canal+ lo ritiri immediatamente e si scusi. Non con me, ma con i 60 milioni di cittadini italiani, lavoratori, imprenditori, produttori, che, con il loro video disgustoso, sono stati offesi».


Ultimo aggiornamento: Martedì 3 Marzo 2020, 17:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA