Vanno a pescare in un'area protetta e postano tutto online: il clamoroso 'autogol' di due giovani tiktoker

I due hanno filmato anche la vendita a un ristorante di Alghero del pescato, tutto rigorosamente in nero

Vanno a pescare in un'area protetta e postano tutto online: il clamoroso 'autogol' di due giovani tiktoker

Per i due giovani doveva essere solo un filmato come tanti altri. Per raccontare il loro primo giorno di vacanza in Sardegna, ma si è trasformata nella prova dei reati commessi. Un tiktoker, Federico Baroni, e il suo giovane amico adesso sono nei guai dopo aver caricato il video su TikTok mentre pescano delle cernie enormi nella zona protetta di Capo Caccia, ad Alghero in provincia di Sassari. 

Leggi anche > Portaerei Nato in panne, imbarazzo per la Royal Navy: la Prince of Wales è la nave da guerra più grande della Gran Bretagna

Il video autogol

 

 

I due ragazzi non sapevano di essere in un'area protetta. Ma la pesa illegale non è l'unico reato commesso e ripreso nel video. La procura di Sassari, infatti, ha presentato un esposto anche per la vendita ad un ristorante di Alghero del pescato, tutto e rigorosamente in nero. Il video è diventato fin da subito virale e, nonostante il tiktoker lo abbia eliminato dal suo profilo, è ancora visibile su Facebook. Il contenuto, infatti, è stato preso e rilanciato dal gruppo «Roba da apneisti Spearfiscing & Freediving», collezionando più di 90mila visualizzazioni in due giorni. i due, entrambi apneisti, avevano inviato il video alla pagina per testimoniare la pesca fuori dal comune, ma questo gli è costato un'esposizione tale che la loro bravata è giunta fino agli uffici della procura. Nel video si vede uno dei due ragazzi immergersi e pescare delle enormi cernie, stando al tiktoker, dal peso complessivo di 22 kg.

Nei guai

Il Gruppo d'intervento giuridico (Grig) ha segnalato l'accaduto alla procura, al Corpo forestale della Regione Sardegna, alla Guardia costiera, al Comune di Alghero, all'Azienda speciale di gestione del parco naturale di Porto Conte e dell'area marina protetta "affinché vengano svolti gli opportuni accertamenti e applicate le sanzioni di legge e la procura della Repubblica di Sassari ha presentato un esposto sulla vicenda.


Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Agosto 2022, 16:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA