Pernigotti, chiude lo stabilimento di Novi Ligure: 100 lavoratori a casa

Chiude i battenti lo stabilimento Pernigotti a Novi Ligure. Lo annunciano i sindacati al termine dell'incontro con i rappresentanti della proprietà dell'azienda dolciaria, passata al gruppo turco Tuksoz. 

Tsunami nel mediterraneo, a rischio Sicilia, Calabria e Salento: la prima mappa



«L'amministratore delegato era accompagnato dai legali e ci ha comunicato che non sono interessati allo stabilimento. Ciò significa 100 lavoratori a casa e altrettante famiglie in difficoltà - rivela Tiziano Crocco (Uila) - I pochi impiegati del settore commerciale che rimarranno saranno trasferiti a Milano». Domani i sindacati incontreranno i lavoratori; incontro alle 11 con il sindaco Rocchino Muliere in Municipio. «Dalle 13 assemblea con i lavoratori per decidere la mobilitazione. Sarà un'iniziativa forte per rimarcare il duro colpo che subiranno la città e l'economia della provincia».

«Una decisione assurda e inaccettabile. Occorre capire le cause che hanno portato la proprietà a presentare sempre solo perdite, nonostante il settore dolciario tiri. Una proprietà che non ha mai investito un euro sullo stabilimento. Ho già informato il prefetto Antonio Apruzzese e tutti i parlamentari del territorio, perchè la questione deve diventare di rilievo generale ed essere trattata a tutti i livelli istituzionali con la massima attenzione». Così il sindaco di Novi Ligure (Alessandria), Rocchino Muliere, dopo l'annunciata chiusura della Pernigotti, storica azienda del cioccolato. Il primo cittadino si dice «al fianco di operai, rsu, sindacati, con i quali definire i passi successivi da fare per trovare, insieme, soluzioni alternative alla cessata attività. Non rinunceremo mai a un marchio storico, che la proprietà vorrebbe tenere, ma non si sa per cosa farne. La Pernigotti è patrimonio di Novi e dei novesi, oltre che un grande nome conosciuto che non può finire così».

 
Ultimo aggiornamento: 8 Novembre, 09:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA