Summit pedofilia in Vaticano, il Papa: misure concrete per debellare il male

Papa Francesco apre il summit sulla pedofilia in Vaticano: «Ora misure concrete»

Città del Vaticano - Quattro giorni di introspezione per trovare il modo di combattere la pedofilia tra il clero. Papa Francesco ha aperto il summit sugli abusi nella sala nuova del sinodo davanti ai presidenti delle conferenze episcopali del mondo. A tutti ha chiesto di essere concreti, di trovare misure pratiche per debellare questo male dalla Chiesa. «Ascoltiamo il grido dei piccoli che chiedono giustizia. Grava sul nostro incontro il peso della responsabilità pastorale ed ecclesiale che ci obbliga a discutere insieme, in maniera sinodale, sincera e approfondita su come affrontare questo male che affligge la Chiesa e l’umanità. Il santo Popolo di Dio ci guarda e attende da noi non semplici e scontate condanne, ma misure concrete ed efficaci da predisporre. Ci vuole concretezza» ha ripetuto Francesco.

I lavori sono iniziati con una preghiera e finiranno, domenica, con una celebrazione comune. «Iniziamo, dunque, il nostro percorso armati della fede e dello spirito di massima parresia, di coraggio e concretezza». Ad ogni partecipante è stato fornito un sussidio che contiene alcuni criteri che verranno sviluppati durante il dibattito che in questi giorni è previsto in Vaticano. Durante la conferenza stampa di preparazione gli organizzatori hanno messo in luce tre argomenti sui quali si concentreranno sforzi e attenzione: la trasparenza, la credibilità e la responsabilità. 

Giovedì 21 Febbraio 2019, 09:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA