Patrizia Mirigliani denuncia il figlio: «Soffre di dipendenze, sono disperata»

Patrizia Mirigliani denuncia il figlio: «Soffre di dipendenze, sono disperata»

Patrizia Mirigliani ha denunciato il figlio tossicodipendente. La patron di Miss Italia, intervistata dalla testata TPI, ha raccontato di aver denunciato il figlio Nicola, di 31 anni,  perché disperata dalle sue dipendenze. Non riuscendo più in alcun modo a gestire il figlio, per paura che possa accadere qualcosa di molto grave, ha preso la dolorosa decisione, come lei stessa l'ha definita. 

Leggi anche > Francesca Alotta, il calvario segreto a Vieni da me: «Ho perso mio figlio. Adesso ho un cancro». Caterina Balivo commossa​



La donna avrebbe denunciato il figlio per maltrattamenti in famiglia, estorsione e tentata estorsione, come riporta il giornale, ma il 31enne sostiene una versione diversa dei fatti. «Sono dodici anni della mia vita che combatto, Nicola soffre di dipendenze, l’ho portato in sette comunità. Se sono arrivata al punto di denunciare mio figlio, è perché sono distrutta», spiega la Mirigliani.

Intanto Nicola ha il braccialetto elettronico e ha il divieto di avvicinarsi alla madre. Il 31enne ha però raccontato una versione diversa dei fatti, dicendo che la madre lo avrebbe cacciato di casa e obbligato a mantenersi da solo: «per legge mi deve mantenere fino ai 34 anni, non può lasciarmi così e io le farò una denuncia civile. Ora lei mi ha fatto tre denunce e ha chiesto a tutti quelli che mi conoscono di non aiutarmi», chiarisce. Nicola ammette i suoi problemi con la droga e anche di aver dato dei pensieri alla madre, ma nega le accuse della Mirigliani.

La madre ha replicato dicendo che non ha più intenzione di mantenere i vizi del figlio e, per quanto dolorosa, ha dovuto prendere questa decisione. «Erano pressioni continue con urla e richieste di soldi, sono dodici anni che Nicola mi ruba a casa. Io e il padre siamo disperati, è la battaglia più devastante che abbia mai fatto», ha poi concluso la donna.
Ultimo aggiornamento: Venerdì 21 Febbraio 2020, 09:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA