Partite e serie tv in streaming, chiusi 114 siti pirata
di Loris Alba

Partite e serie tv in streaming, chiusi 114 siti pirata

Operazione "Free Football": così è stata ribattezzata dalla guardia di finanza e dalla procura di Brescia la manovra che ha portato alla chiusura di 114 siti illegali di streaming, che ritrasmettevano i contenuti delle serie tv a pagamento. 

Leggi anche > Ponte Morandi, falsi report su altri viadotti: arresti e perquisizioni. Quali sono i tratti interessati

Le autorità non hanno fornito l’elenco degli indirizzi internet sequestrati, tutti italiani, ma hanno comunque sottolineato come nell'elenco fossero presenti differenti tipologie di siti. Innanzitutto sono stati bloccati quelli che offrono contenuti in streaming e che ritrasmettono in diretta ciò che sta andando in onda sui canali a pagamento. L'attenzione si è poi spostata sui siti che offrono contenuti "on demand", quei siti che permettono cioè di vedere film e serie Tv già andate in onda che vengono «registrate» dai vari canali e poi distribuite online. Affari d'oro dunque per questa nuova generazione di hacker, capace di guadagnare sia attraverso gli introiti delle pubblicità sia attraverso veri e propri abbonamenti low cost. 

Tutto facile o quasi dunque, visto che, come commentato dalle autorità competenti, «I siti riportavano veri e propri palinsesti organizzati, di immediata e facile accessibilità per gli utenti, per facilitare la scelta del programma preferito».

Le autorità hanno ottenuto un decreto di sequestro preventivo dei 114 domini web notificato agli ISP italiani.
Venerdì 13 Settembre 2019, 16:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA