Papà salva il figlio che sta annegando nel lago di Garda ma non riemerge

Il turista inglese non è riuscito a risalire sulla barca

Papà salva il figlio che sta annegando nel lago di Garda ma non riemerge

Non ci ha pensato un secondo a tuffarsi dalla barca nelle acque del Lago di Garda per soccorrere il figlio 14enne in difficoltà, che è riuscito a trarre in salvo, ma poi non è riuscito a salvare se stesso.

Mamma picchiata davanti al figlio perché vuole andare in palestra: il compagno le ha rotto il naso

Un uomo di 52 anni, Aran Chada, turista inglese, ieri pomeriggio di ieri dopo aver soccorso suo figlio, è finito sott'acqua e non è più riemerso sotto lo sguardo sconvolto della moglie.

Le ricerche

Le ricerche scattate poco dopo, non hanno ancora rinvenuto il disperso.

L'incidente è avvenuto nel comune di Limone, sulla costa bresciana, a circa 200 metri dalla spiaggia, dove la famiglia, composta da marito, moglie e figlio adolescente, aveva noleggiato una barca per fare una gita sulle acque del lago.

Donna incinta con il burqa bloccata mentre sale sul treno e spinta sotto al convoglio: «Qui non ci puoi stare». Individuato un 35enne italiano

L'immersione

Secondo una prima ricostruzione, il giovane stava facendo il bagno in un punto dove l'acqua raggiunge i 100 metri di profondità, quando avrebbe iniziato ad aver difficoltà nel nuotare, così il padre, senza esitazioni, si è tuffato in acqua e ha tratto il figlio in salvo, ma probabilmente la fatica lo aveva provato ed il 52enne, esausto, è sparito in acqua sotto gli occhi della moglie. 

L’allarme è stato immediato, sul posto è arrivata una motovedetta della Guardia Costiera e poi sono arrivati anche i sommozzatori di San Benedetto del Tronto che erano in zona per altre operazioni. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 25 Luglio 2022, 11:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA