Papa Francesco: «I Rom sono nostri fratelli, dobbiamo accoglierli»

Papa Francesco: «I Rom sono nostri fratelli, dobbiamo accoglierli»

Bergoglio in udienza generale torna sul viaggio in Slovacchia e a Budapest

L'udienza generale di oggi del Papa è stata interamente dedicata al recente viaggio apostolico in Slovacchia e a Budapest. Il Pontefice lo ha riassunto così: «Un pellegrinaggio di preghiera, un pellegrinaggio alle radici, un pellegrinaggio di speranza», ha detto Papa Francesco, che ha quindi ricordato le tappe del viaggio. «La prima è stata a Budapest, per la Santa Messa conclusiva del Congresso Eucaristico Internazionale. Grande è stata la partecipazione a questa celebrazione. Il popolo santo di Dio, nel giorno del Signore, si è riunito davanti al mistero dell'Eucaristia, dal quale continuamente è generato e rigenerato».

 

Papa Francesco: «Mi volevano morto, già preparavano il Conclave»

 

«Era abbracciato dalla Croce che campeggiava sopra l'altare, a mostrare la stessa direzione indicata dall'Eucaristia, cioè la via dell'amore umile e disinteressato, dell'amore generoso e rispettoso verso tutti, della fede che purifica dalla mondanità e conduce all'essenzialità. Questa fede ci allontana da mondanità che è un tarlo e ci rovina da dentro». Quindi Francesco ha parlato della celebrazione a Šaštín, in Slovacchia, presso il Santuario della Vergine dei Sette Dolori, dove «un grande popolo di figli è accorso per la festa della Madre, che è anche la festa religiosa nazionale».

 

Un pellegrinaggio alle radici

 

Un viaggio che, ha ricordato ancora il Pontefice, è stato anche un «pellegrinaggio alle radici. Incontrando i fratelli Vescovi, sia a Budapest sia a Bratislava, ho potuto toccare con mano il ricordo grato di queste radici di fede e di vita cristiana, vivide nell'esempio luminoso di testimoni della fede. Ho percepito la forza di queste radici nella celebrazione della Divina Liturgia in rito bizantino, a Prešov, nella festa della Santa Croce. Nei canti ho sentito vibrare il cuore del santo popolo fedele, forgiato da tante sofferenze patite per la fede».

 

In proposito, il Papa ha ricordato: «più volte ho insistito sul fatto che queste radici sono sempre vive, piene della linfa vitale che è lo Spirito Santo, e che come tali devono essere custodite: non come reperti da museo, non ideologizzate e strumentalizzate per interessi di prestigio e di potere, per consolidare un'identità chiusa. No. Questo vorrebbe dire tradirle e sterilizzarle». Un pellegrinaggio anche «di speranza- ha rimarcato Francesco-. Speranza nel vedere tante coppie giovani e tanti bambini, di fronte all'inverno demografico».

 

«I Rom sono fratelli, dobbiamo accoglierli»

 

Bergoglio ha poi reso omaggio alle Suore Missionarie della Carità del Centro Betlemme a Bratislava, che accoglie le persone senzatetto:«Penso alla comunità Rom e a quanti si impegnano con loro per un cammino di fraternità e di inclusione. E stato commovente condividere la festa della comunità Rom: una festa semplice, che sapeva di Vangelo. I Rom sono fratelli dobbiamo accoglierli». Quindi il monito al l'unità: «Cari fratelli e sorelle, questa speranza si realizza, si fa concreta solo se declinata con un'altra parola: insieme. A Budapest e in Slovacchia ci siamo trovati insieme con i diversi riti della Chiesa Cattolica, insieme con i fratelli di altre Confessioni cristiane, insieme con i fratelli Ebrei, insieme con i credenti di altre religioni, insieme con i più deboli. Questa è la strada, perché il futuro sarà di speranza se sarà insieme non da soli». 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Settembre 2021, 10:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA