Pamela, il nigeriano non è accusato di omicidio: "Potrebbe essere scarcerato molto presto"

Pamela, il nigeriano non è accusato di omicidio: "Potrebbe essere scarcerato molto presto"

"Rispetto alle contestazioni della Procura, il Gip non ha ritenuto sussistenti gli elementi indiziari dell'omicidio", così l'avvocato penalista Michele Andreano ai microfoni di Mediaset esprime le sue perplessità riguardo la detenzione di Innocent Oseghale, il 29enne nigeriano fermato in seguito all'uccisione di Pamela Mastropietro, ma non indagato per omicidio. 



LEGGI ANCHE ---> Sul corpo uno scempio mai visto: molti organi non sono stati ancora ritrovati

LEGGI ANCHE ---> "Ha avuto overdose, sono scappato"

L'accusa è di occultamento e vilipendio di cadavere e in caso di condanna "la pena è da un minimo di tre a un massimo di sei anni, per l'occultamento fino a tre anni - spiega Andreano - Quindi, dovendo scegliere per esempio un rito abbreviato, potrebbe ricevere una condanna a tre anni. L'indagato non è stato poi messo in libertà per mancanza di un domicilio idoneo quindi, quando lo troverà, potrebbe essere presto rilasciato".

LEGGI ANCHE ---> Sesso per comprare la droga dopo la fuga dalla comunità: un uomo le ha dato 50 euro



LEGGI ANCHE ---> Traini ai carabinieri: «Volevo andare in Tribunale per uccidere Oseghale»

LA MAMMA, "UNA MORTE CHE POTEVA ESSERE EVITATA" «È disumano quello che hanno fatto a mia figlia, una violenza assurda. Quella di Pamela era una morte che poteva essere evitata». Lo ha detto Alessandra Verni, la mamma di Pamela Mastropietro, che oggi ha partecipato con il padre della 18enne Stefano Mastropietro e lo zio della ragazza Marco Valerio ad una fiaccolata a Macerata. Circa 200 persone hanno sfilato sotto la pioggia, portando striscioni: 'luci per Pamelà e '#stop alla violenza'.



Alessandra Verni ha annunciato l'intenzione di creare un'unica associazione no profit a livello nazionale insieme all'associazione 'L'esistenza ora' che ha organizzato la fiaccolata. «Ne ho già parlato con il sindaco di Roma Virginia Raggi», ha detto. L'associazione dovrebbe occuparsi di ragazzi in difficoltà, con il supporto di psicologi e di volontari. I familiari di Pamela Mastropietro vogliono poi che siano accertate le responsabilità della morte della ragazza, ed hanno preso nettamente le distanze da Luca Traini e dal suo raid xenofobo a colpi di pistola contro i migranti di colore.

 
Ultimo aggiornamento: 12:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA