Paolo ucciso a 20 anni dal branco fuori dalla discoteca: forse un regolamento di conti
di Nico Riva

Palermo, 20enne ucciso dal branco fuori dalla discoteca: forse un regolamento di conti

Notte di sangue in una discoteca siciliana. Paolo La Rosa, 21enne, è stato ucciso davanti alla discoteca Millennium a Terrasini (Palermo) intorno alle 3 e mezza della notte fra il 23 e il 24 febbraio. Il giovane è stato aggredito da un branco di coetanei con un coltello. La Rosa, figlio del titolare della pizzeria "Grace" di Cinisi, non è sopravvissuto alle gravi ferite. 

Leggi anche > Aggressione in discoteca, ventenne col cranio fratturato: «Non potrà più giocare a rugby»

Paolo La Rosa ha ricevuto immediato soccorso, ma non è stato possibile salvarlo. Il ragazzo è deceduto lungo il tragitto verso l'ospedale di Partinico. Secondo quanto riporta il quotidiano online DirettaSicilia, i carabinieri avrebbero individuato i responsabili dopo una lunga notte di indagini. Grazie all'aiuto dei testimoni e delle telecamere, i militari avrebbero identificato il gruppo che ha scatenato la rissa fuori dalla discoteca, degenerata nella morte di un 21enne. 

Il movente che ha scatenato la rissa resta al momento sconosciuto, ma secondo le prime indiscrezioni si ipotizza un regolamento di conti. Dalle parole si è rapidamente passati alle mani, fino all'accoltellamento. La Rosa è morto dopo aver ricevuto diversi fendenti alla gola, al petto e allo stomaco. Il sindaco di Terrasini, Giosuè Maniaci, ha affermato su Facebook: «Bisogna fare giustizia il prima possibile. Io mi sento completamente affranto. Come padre, come cittadino, come rappresentante delle istituzioni. Non si può interrompere così violentemente la vita di un ragazzo, che avrebbe potuto essere figlio di ciascuno di noi, per motivi così futili». 
 


Secondo gli inquirenti, infine, l'assassinio di Paolo La Rosa potrebbe non essere un caso isolato. Lo scorso 7 settembre, verso le 5 del mattino, un altro ventenne, Pierpaolo Celestre, fu aggredito violentemente a Cinisi da quattro coetanei. Si ipotizza che i due episodi possano essere collegati, e che i responsabili siano gli stessi. 
Ultimo aggiornamento: Lunedì 24 Febbraio 2020, 15:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA