Corre in strada per soccorrere motociclista ma è in quarantena: condannata

Padova, corre in strada per soccorrere motociclista ma è in quarantena: condannata

Condanna a 4 mesi di arresto, ridotta a 2 mesi con il rito alternativo e sostituita da una multa di 4.500 euro

Era in casa in quarantena quando ha sentito uno schianto ed è corsa in strada per soccorrere un motociclista che era finito dentro un fossato. Un gesto encomiabile, ma non per la legge. La protagonista della buona azione è stata infatti condannata a 2 mesi di arresto - pena sostituita da una multa di 4.500 euro - per essere uscita di casa mentre era in quarantena per positività al Covid. Secondo quanto riportato da Il Mattino di Padova, che riporta la notizia, il 23 aprile 2020, Maristella Scarmignan di 56 anni era a casa a Ospedaletto Euganeo, in provincia di Padova quando intorno alle 14 ha sentito uno schianto ed è uscita per capire cosa fosse successo. Ha trovato un motociclista di 44 anni che dopo essere andato a sbattere era finito dentro un fossato.

 

Leggi anche > Nuovo decreto, controlli anche in attività essenziali. Senza Green pass «solo per esigenze primarie»

 

«Sono corsa fuori di casa e ho visto un fumo pazzesco. Vedevo la moto in mezzo alla strada ma non scorgevo il motociclista. Ho raggiunto il fossato e l’ho visto a terra, dolorante e in difficoltà. Ho temuto il peggio e quindi l'ho soccorso: voleva alzarsi, ma in quelle condizioni sarebbe stato deleterio mettersi in piedi», ha raccontato la donna al al Mattino di Padova. Sul posto sono arrivati 118 e carabinieri. Ed è scattata la doppia denuncia: violazione della quarantena e mancata indicazione della propria identità personale e inizialmente (si era rifiutata di fornire i propri documenti).

 

Qualche giorno fa, Scarmignan ha ricevuto la notifica dal Tribunale di Rovigo: «condanna a 4 mesi di arresto, ridotta a 2 mesi con il rito alternativo e sostituita da una multa di 4.500 euro». Ma la 56enne si opporrà al decreto di condanna. «Io, casalinga senza alcun precedente, mi ritrovo con la fedina penale sporca solo per aver aiutato una persona: è indegno. Dovevo forse lasciarlo ferito in strada? Di fronte a una persona che sta male e a un'urgenza del genere, c'è poco da ragionare. E badate bene, avevo un tampone negativo fatto poco prima», ha concluso la donna.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 20 Gennaio 2022, 21:55
© RIPRODUZIONE RISERVATA