L'orso Juan Carrito è morto: investito e ucciso da un'auto. La ragazza alla guida: «È sbucato all'improvviso»

L'orso social, divenuto famoso per le sue scorribande a Roccaraso, è deceduto dopo essere rimasto immobile a causa di una zampa rotta e della botta subita che lo ha schiacciato contro un guard rail

Video

L'orso Juan Carrito negli anni era diventato una vera e propria star dei social. Dopo le sue tante scorribande a Roccaraso e non solo, l'animale era stato trasferito in elicottero nuovamente nella natura, nel Parco della Maiella. Ma oggi pomeriggio è stato investito e ucciso sulla statale 17, che collega Castel di Sangro a Roccaraso. L'orso in un primo momento era ferito con una zampa rotta, schiacciato a un guard rail e non ce l'ha fatta. 

Leggi anche > Juan Carrito, trasferito in elicottero l'orso social: seconda prova di vita in alta quota

Juan Carrito è morto

 

Le guardie del Parco e i carabinieri forestali, intervenuti immediatamente sul posto, hanno confermato che la vittima si trattava di Juan Carrito, l'orso social di Roccaraso, protagonista di tantissime scorribande nei paesini del Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise e della provincia dell'Aquila, senza mai essere aggressivo. In un primo momento, infatti, non era chiaro di quale orso si trattasse, poi le marche auricolari alle orecchie, hanno permesso il riconoscimento. L'animale, in un primo momento ferito, non si muoveva a causa della zampa rotta e non è riuscito ad attendere l'arrivo del veterinario del Parco.

Sotto choc

Juan Carrito è stato travolto, intorno alle 18:00, da un'auto, con a bordo tre persone, che si è subito fermata. L'animale è rimasto immobile per interminabili minuti, in attesa dell'arrivo del veterinario che, una volta giunto sul lugo dell'incidente non ha potuto fare altro che constatare il decesso. La ragazza alla guida è sotto choc e non riesce a capacitarsi di come possa essere accaduto. Ai soccorritori giunti sul luogo avrebbe detto: «È sbucato all'improvviso». 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 23 Gennaio 2023, 20:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA