Operatore sanitario salta la fila al supermercato: riempito di insulti. «Dove vai, str...o?»

Aveva ‘saltato’ la fila al supermercato, ma con una piena giustificazione: di professione operatore socio sanitario, aveva appena finito il suo turno di cinque ore, doveva pranzare e nel pomeriggio sarebbe tornato a lavorare. Uno dei tanti lavoratori della sanità che in questo periodo si stanno mettendo a disposizione della comunità, mentre gran parte del Paese resta a casa.

Leggi anche > Coronavirus, il virologo italiano negli Usa: «In estate ci sarà una tregua»

Ma il giovane, 33 anni, consulente psicologo e operatore in una comunità terapeutica, aveva sottovalutato la maleducazione e l’esasperazione dei suoi concittadini. Così quando è andato al supermercato mostrando il suo badge, la sua richiesta di saltare la fila è stata vissuta male da chi invece stava aspettando il suo turno per entrare in quel punto vendita Pam, in zona Lingotto a Torino.

Leggi anche > Decreto imprese, tutte le misure: garanzie, rinvio processi e golden power

Così più di qualcuno ha iniziato a lamentarsi, travolgendolo di insulti, secondo quanto racconta Repubblica nelle sue pagine torinesi. «Che scandalo questi giovani che si svegliano tardi la mattina», dice uno. «Dove vai, bastardo?», e anche «Stronzo», le altre frasi che si è sentito dire. Insulti durati poco, perché la guardia giurata è subito intervenuta per farlo entrare in tutta fretta ed evitarne il linciaggio verbale.

Lui stesso è quasi incredulo davanti al trattamento ricevuto: «Sono andato al supermercato in pausa pranzo, finora ho sempre cercato di evitare la corsia preferenziale ma oggi non avevo altra scelta - le sue parole - all’ingresso mi hanno chiesto il tesserino, l’ho fatto vedere e mi hanno fatto passare. Ma dalla coda si sono sollevati insulti di ogni genere. È stato assurdo».
Ultimo aggiornamento: Giovedì 9 Aprile 2020, 15:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA