Ragazza insultata e presa a pugni: l'amica aveva borsa arcobaleno. Denunciato un 14enne

Ragazza insultata e presa a pugni: l'amica aveva borsa arcobaleno. Denunciato un 14enne

Insulti e anche un pugno, solo perché indossava una borsa arcobaleno. È successo ad una ragazza di 16 anni ad Ancona, lo scorso sabato 28 agosto, in Corso Garibaldi: la giovane passeggiava con un'amica, sua coetanea, che indossava appunto una borsa arcobaleno, quando un ragazzo di 14 anni l'avrebbe apostrofata con insulti omofobi per poi colpirla con un pugno. La vittima ha presentato querela ai carabinieri di Ancona a carico del giovane, che era stato prima 'bloccato' da un commerciante e poi identificato dai carabinieri.

A riferire della denuncia è il segretario Generale di Arcigay Comunitas Ancona, Matteo Marchegiani che parla di «incresciosa e gravissima aggressione a sfondo omofobo in strada». Arcigay Comunitas Ancona, che ribadisce la necessità di approvare al più presto il ddl Zan, ha «tentato di mettersi in contatto con la giovane e i suoi genitori per fornirle supporto legale e psicologico», se necessario, ed è stata contattata dalla «mamma della ragazza con la quale ha interloquito per assicurarsi delle condizioni di salute di sua figlia».

La ragazza sarebbe stata presa di mira dal giovane anche in precedenza su un bus con insulti omofobi. Arcigay riferisce della querela, coadiuvata dall'avv. Antonella Caporalini. «Atti come questi non possono restare impuniti e la nostra speranza è che la giustizia faccia il suo corso. Dai racconti emerge che durante l'identificazione - racconta l'Arcigay - il ragazzo si dimostrasse fiero nei confronti del suo gruppo per quanto fatto: di fronte alla legge, si risponde personalmente e che non ci sarà il suo gruppo a fare il tifo per lui». 


Ultimo aggiornamento: Martedì 31 Agosto 2021, 15:24
© RIPRODUZIONE RISERVATA