Vincenzo ucciso in strada a 24 anni, preso il sospetto assassino: è il padre

L'omicidio al termine di una lite in strada

Vincenzo ucciso in strada a 24 anni, preso il sospetto assassino: è il padre

Fermato il sospetto omicida di Vincenzo Gabriele Rampello, il 24enne ucciso a colpi d'arma da fuoco a Raffadali (Agrigento). Si tratterebbe del padre del ragazzo, un poliziotto, che ha ucciso il figlio con la pistola d'ordinanza: l'uomo avrebbe confessato.

Leggi anche > Pastore trovato morto fuori dall'ovile: Matteo aveva 40 anni. Ucciso con una fucilata

La lite e l'omicidio in piazza

L'omicidio era avvenuto in piazza Progresso, dove ci sono diverse telecamere di videosorveglianza che avrebbero dovuto immortalare tutto. Il padre del ragazzo, Gaetano Rampello, un agente di polizia in servizio a Catania, è stato catturato mentre stava per lasciare Raffadali a bordo di un bus di linea. Sarebbero almeno nove i colpi di pistola esplosi, mentre i carabinieri stanno ricostruendo l'accaduto. Sembra che in piazza sia avvenuta l'ennesima lite tra Gaetano Rampello e suo figlio Vincenzo, che avrebbe avuto alcuni problemi psicologici. Dopo l'omicidio, l'uomo si era allontanato e si era diretto verso la fermata del bus, dove è stato bloccato e arrestato.

La confessione del padre dopo l'omicidio del figlio

 Avrebbe già confessato il papà di Vincenzo Gabriele Rampello, il giovane di 24 anni ucciso questa mattina nella centrale piazza Progresso, a Raffadali, nell'agrigentino. L'omicidio, ripreso dalle telecamere di videosorveglianza del Comune, sarebbe avvenuto al termine dell'ennesima lite padre-figlio. Il padre, poliziotto in servizio a Catania, avrebbe sparato nove colpi: uno alla testa, gli altri al torace. L'arma utilizzata sarebbe stata la pistola d'ordinanza.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 2 Febbraio 2022, 10:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA