Omicidio a Maglie, Mattia Capocelli ucciso a 28 anni durante una lite. In fuga l'assassino

Ucciso con un colpo di pistola, esploso quasi a bruciapelo, durante una lite. È accaduto nella notte a Maglie, nelle vicinanze di un camioncino attrezzato per la vendita di panini e bibite. Vittima Mattia Capocelli, di 28 anni, colpito mortalmente al collo. In fuga l'assassino e le persone che erano in compagnia di quest'ultimo. 

In queste ore i carabinieri, avvisati solo quando la giovane vittima è stata portata all'ospedale di Scorrano e lasciata lì, stanno cercando di individuare le persone che hanno assistito alla lite per ricostruire l'accaduto.

Omicidio di Gabriel Feroleto: «Il bimbo ucciso dai genitori perché aveva interrotto un rapporto sessuale»
«Ciao, ci vediamo domani»: chiude la chat con gli amici e si spara a 29 anni

Tutto sarebbe nato da un litigio scoppiato tra Mattia Capocelli e altre persone.  Improvvisamente nelle mani di un uomo è comparsa una pistola.  L'assassino ha fatto fuoco mirando al volto del giovane. Mattia Capocelli si è accasciato, ferito a morte, mentre l'assassino e gli altri si sono allontanati.
 
 


Poco dopo alcuni amici hanno soccorso Mattia accompagnandolo all'ospedale di Scorrano e lasciandolo lì. Erano circa le 2 di notte. Dall'ospedale è stato quindi dato l'allarme ai carabinieri.

Per oltre un'ora i medici hanno tentato di salvare la vita del giovane, senza tuttavia riuscirci. Il giovane è deceduto intorno alle 3.15.

Le indagini procedono serrate e verranno esaminate anche le immagini delle telecamere installate sul camion per la vendita dei panini e sull'istituto tecnico commerciale Antonietta Cezzi De Castro, già in corso di acquisizione da parte dei carabinieri. In caserma il procuratore aggiunto Guglielmo Cataldi ed il sostituto Maria Consolata Moschettini.
Annulla
Giovedì 25 Aprile 2019, 07:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA