Fidanzati uccisi a Lecce, il killer Antonio De Marco si pente: «Ho sbagliato»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer Antonio De Marco si pente: «Ho sbagliato»

Sarebbe pentito per quello che ha fatto Antonio De Marco. Il 21enne che ha ucciso i fidanzati di Lecce, Daniele De Santis ed Eleonora Manta, dopo aver ammesso le sue colpe ha detto che sarebbe pentito per l'accaduto. Ai suoi avvocati ha confessato di aver sbagliato, come ha riportato Il Quotidiano di Puglia.

Leggi anche > Bruzzone: «Il massacro di Lecce è la vendetta di un narciso. Ha punito De Santis e Eleonora per averlo allontanato»

Il ragazzo è stato descritto da tutti come una persona pacata che mai nessuno avrebbe visto nelle vesti di un killer. I legali affermano che sarebbe sconvolto per l'accaduto e che non riesce a ricordare nulla di quello che è successo. A sfuggirgli sarebbero molti degli appunti da lui stesso scritti nei fogli trovati dagli inquirenti, in modo particolare quelli in cui spiega con precisione l'efferatezza del delitto.
 

 

Nel suo appartamento i carabinieiri hanno sequestrato un nuovo foglietto, simile agli altri in cui spiegava i dettagli del suo piano e chiariva che il tutto si sarebbe dovuto svolgere in un'ora e mezza. Sul foglio sono segnati i tempi di percorrenza e  la permanenza in casa.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Settembre 2020, 16:05
© RIPRODUZIONE RISERVATA