Omicidio Alice Scagni, l’ultima telefonata di Alberto al padre: «Sai dove si trova tua figlia?»

La tragedia si è trasformata in un duro confronto tra i genitori di Alberto e Alice e le autorità: i coniugi Scagni ritengono che lo Stato non abbia preso seriamente gli allarmi da loro lanciati

Omicidio Alice Scagni, l’ultima telefonata di Alberto al padre: «Sai dove si trova tua figlia?»

«E allora? Voglio i soldi per mangiare!» E' la frase con cui Alberto Scagni ha detto a suo padre il primo maggio di quest'anno, giorno in cui il 42enne ha ucciso la sorella Alice. «Io sono un uomo a differenza di 7 miliardi di persone che respirano la stessa aria che respiro io» continua Scagni dietro la cornetta insultando il padre. Gli audio, pubblicati in esclusiva dal quotidiano La Repubblica, allertano il padre che, preoccupato per l'incolumità della figlia e del genero, decide di chiamare il 112. «Stasera Gianluca e tua figlia sai dove sono?» chiede Alberto, urlando al padre più di una volta.

Leggi anche > Schianto in scooter contro una Mini: Giada muore a 16 anni due giorni dopo l'amico Simone

Nonostante la chiamata, la polizia non ritiene però vi sia un pericolo imminente. Alle 22 dello stesso giorno, però, la 34enne viene massacrata a coltellate sotto casa dal fratello, a Genova.

 

La tragedia si è trasformata in un duro confronto tra i genitori di Alberto e Alice e le autorità: i coniugi Scagni ritengono che lo Stato non abbia preso seriamente gli allarmi da loro lanciati. Antonella Zarri, madre della 34enne massacrata circa 3 mesi fa ha puntato il dito contro i poliziotti. «Quando ho chiesto disperatamente di tenere sotto controllo Alberto - ha detto -, loro mi hanno risposto: "Signora, non facciamola tragica". Poi mi hanno detto che non c'erano volanti da mandare sotto casa nostra e quella di Alice».

I genitori dei due fratelli si sono affidati all'avvocato Fabio Anselmo, già legale di Ilaria Cucchi e dei genitori di Federico Aldrovandi. «La Procura – ha spiegato Anselmo in una recente intervista – ci impedisce di entrare nel procedimento sulle omissioni. Mi chiedo: è possibile che si premuri di dire ai giornalisti che esiste un'indagine su quanto non è stato fatto prima dell'omicidio, ma che poi di fatto usi ogni mezzo per tenere fuori dagli accertamenti i genitori della vittima?».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 26 Agosto 2022, 16:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA