Napoli, matrimonio tra il cantante neomelodico e la vedova del “boss”: indaga la Procura. Lo sposo: «Tra un mese il bis in chiesa»

Napoli, matrimonio tra il cantante neomelodico e la vedova del “boss”: indaga la Procura. Nel mirino anche l'addio al nubilato. Lo sposo: «Tra un mese rifaremo tutto in chiesa»

La Procura di Napoli sta indagando sulle nozze tra iL cantante neomelodico Tony Colombo e la vedova di Gaetano Marino, boss del clan degli scissionisti ucciso in un agguato il 23 agosto del 2012 sul lungomare di Terracina nell'ambito della faida di Secondigliano. Lo rendono noto organi di stampa.

Napoli, le nozze tra il cantante neomelodico e la vedova del “boss” spodestano il convegno anti camorra

 

 

I carabinieri si sono recati negli uffici del Comune, a Palazzo San Giacomo, del comando della polizia locale e di due Municipalità per acquisire tutti i documenti le istanze e permessi richiesti per usufruire di spazi comunali per festeggiare le nozze. Il matrimonio tra il cantante e Tina Rispoli, celebrato nel Castel Nuovo, è stato preceduto da un addio al nubilato in piazza del Plebiscito, protrattosi fino a tarda ora, successivamente sanzionato per oltre duemila euro dall'amministrazione comunale partenopea «per mancanza di licenza di esercizio per il pubblico spettacolo e per assenza di nulla osta per l'impatto acustico».

Per la festa, inoltre, è stato anche allestito un palco abusivo. E anche per questo è stata elevata sanzione. Tra le violazioni figurano anche il passaggio di una carrozza tirata da cavalli e preceduta da giocolieri lungo corso Secondigliano che avrebbero intralciato la circolazione stradale.

L'azione della Procura non spaventa Tony Colombo che, al Mattino, ribadisce:
«Non capisco proprio chi mi critica. Sono siciliano, ma parlo da napoletano adottivo: in questa città ci facciamo male da soli, sparliamo di quello che dovremmo mostrare con vanto al mondo. Sapevo che le mie nozze con Tina sarebbero finite al tg, ma meritavano di esserlo per la favola che raccontano, non parlando di camorra, gomorra, Casamonica, trash, carrozze senza permesso». «Rifarò tutto - rivela l'artista -: tra un mese nozze in chiesa. E rincara: "Trash? Ma quale trash? E che male c'è nel sognare un principe azzurro e una principessa trainati da destrieri immacolati? Non abbiamo bloccato nessuna strada e, poi, anche gli scioperi e i cortei bloccano le strade, ma mica chiedono il permesso».


Ultimo aggiornamento: Sabato 30 Marzo 2019, 10:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA