Bimbo malato di leucemia, la famiglia di Matteo schedata dai no vax: «Abbiamo paura»

di Alessia Strinati
La storia del bambino guarito dalla leucemia che non poteva andare a scuola a causa di alcuni compagni di classe non vaccinati ha fatto molto discutere. Molti hanno espresso il loro parere ma i no vax si sono scagliati duramente contro la famiglia, fino addirittura ad arrivare a schedarla nei suoi movimenti.

Liliana Segre, insulti choc dai negazionisti della Shoah: «Vecchia schifosa, hai imparato molto bene a memoria la tua bugia»



Matteo a soli 7 anni ha affrontato un percorso molto duro di cure e ora è immunodepresso, quindi una banale malattia da parte di un compagno potrebbe avere per lui conseguenze devastanti. Su alcuni gruppi di no vax la famiglia del bambino è stata presa di mira: alcuni utenti sono risaliti all'identità dei genitori attraverso i social e anche di alcuni zii e hanno individuato dove lavorano.
 
 

La mamma del piccolo ha ammesso di essere spaventata da questo atteggiamento, che unito agli insulti e all'odio che si sono visti riversare addosso, ha creato un forte stato di agitazione in famiglia. L'avvocato della famiglia è riuscito a entrare e a fotografare i post più inquietanti, come riporta Ophen, e ha denunciato tutto alle autorità. Il timore è che tutto questo odio possa trasformarsi in fatti e, ciò, che è peggio, possa coinvolgere il loro figlio innocente.  
Sabato 9 Marzo 2019, 19:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA