Nicolò Buso, morto di tumore a 32 anni: era stato una promessa del calcio. L'ultimo regalo dopo Venezia-Inter

David Okereke gli aveva regalato la propria maglia, mister Paolo Zanetti lo aveva invitato ad un allenamento

Nicolò Buso, morto di tumore a 32 anni: era stato una promessa del calcio. L'ultimo regalo dopo Venezia-Inter

Nicolò Buso non ce l'ha fatta, il tumore che lo aveva colpito lo ha stroncato a 32 anni. Eppure, chi lo conosceva bene sa benissimo che fino all'ultimo non si era mai lasciato sopraffare dalla malattia né aveva mai perso il sorriso.

Leggi anche > Bimbo di 10 mesi ingerisce cannabis: ricoverato in ospedale in prognosi riservata

Ex promessa del calcio locale, Nicolò Buso viveva nella sua Spinea e lavorava come commesso nel negozio Scarpe & Scarpe in un centro commerciale di Venezia. Da oltre tre anni, Nicolò soffriva di alcune gravi forme tumorali, che prima avevano colpito i suoi arti e poi i polmoni. Eppure, come ricorda il papà, «ha sempre affrontato il suo calvario con una dignità incredibile. Non ha mai perso il sorriso e la voglia di vivere, nemmeno per un secondo. Era in grado di conquistarti con uno sguardo».

Nicolò Buso si è spento nella notte tra lunedì e martedì. I funerali si terranno venerdì prossimo, con l'ultimo regalo fattogli dal suo Venezia dopo la sfida contro l'Inter, anche se solo a metà. Sabato 27 novembre, allo stadio Penzo, l'attaccante David Okereke gli aveva consegnato la propria maglia numero 77, nella sfida contro l'Inter. Inoltre, mister Paolo Zanetti aveva invitato Nicolò ad assistere ad un allenamento della squadra, ma il tempo e il destino hanno voluto diversamente.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 8 Dicembre 2021, 15:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA