Nicola Spagnolo, trovato morto l'alpinista che era scomparso sul Lagorai in Trentino: giallo sulle cause

L'allarme era scattato domenica scorsa. Aperta ogni ipotesi sul decesso

Nicola Spagnolo, trovato morto l'alpinista che era scomparso sul Lagorai in Trentino: giallo sulle cause

Nicola Spagnolo è stato ritrovato senza vita sabato mattina. L'escursionista di 26 anni era disperso da una settimana, quando si era avventurato sul Lagorai in Trentino. A rinvenire il cadavere lungo un ripido pendio di rocce e ghiaioni nella zona di Cima Cece, è stato un gruppo di familiari della vittima, che si erano uniti alle ricerche.

Telefona al papà ma risponde il becchino dal cimitero: «È qui, morto». La scoperta choc

Le ricerche

L'allarme era scattato domenica scorsa. Le ricerche si erano concentrate sempre nella stessa zona, quella di Cima Cece, dove sabato 29 ottobre è stato recuperato il corpo. Si trovava tra la parete nord e il sentiero 349 che corre a valle, a circa 2.500 metri di quota. Alle ricerche hanno partecipato il Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, gli operatori del Soccorso alpino Trentino e i militari della guardia di finanza, con i vigili del fuoco e i carabinieri.

Insieme a loro anche due squadre di volontari partiti da Scorzè, la città natale di Nicola Spagnolo. Ancora incerte le cause del decesso. Possibile che il giovane sia precipitato dopo un percorso alpinistico impegnativo. Resta in piedi anche l'ipotesi del malore. Spagnolo aveva con sé il cellulare, ma non è mai riuscito a lanciare un allarme.


Ultimo aggiornamento: Domenica 30 Ottobre 2022, 19:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA