Niccolò Ciatti, il medico legale: «È morto per un edema provocato da un calcio in testa»

Questo è quanto riferisce, davanti alla Corte d'Assise di Roma, il medico legale Matteo Polacco, consulente della Procura nel processo nei confronti del ceceno Rassoul Bissoultanov

Niccolò Ciatti, il medico legale: «È morto per un edema provocato da un calcio in testa»

Niccolò Ciatti è morto per un «trauma causato da un violento calcio alla testa che ha provocato un edema cerebrale». Questo è quanto riferisce, davanti alla Corte d'Assise di Roma, il medico legale Matteo Polacco, consulente della Procura nel processo nei confronti del ceceno Rassoul Bissoultanov, accusato di omicidio volontario. 

Leggi anche > Niccolò Ciatti, il killer ceceno è fuggito: era stato condannato a 15 anni. Il papà: «Era quello che temevamo»

Il ceceno è latitante

 

Il 22enne di Scandicci, in provincia di Firenze, venne pestato senza alcun motivo la notte tra l'11 e il 12 agosto 2017 fuori ad una discoteca di Lloret de Mar in Spagna. Bissoultanov, che è latitante, è già stato condannato dal tribunale di Girona a 15 anni di carcere. 

«Aggressione»

 

Sul corpo del giovane sono state «individuate contusioni riconducibili ad un'aggressione. Il calcio lo ha raggiunto alla parte destra del capo - ha aggiunto Polacco -. Ecchimosi erano presenti anche sull'avambraccio destro e sulla mano sinistra». È stata inoltre acquisita agli atti una lettera che il 3 novembre del 2017 l'imputato inviò alla famiglia di Ciatti. «Desidero dal più profondo del mio cuore esprimervi le mie più sentite condoglianze - si legge nella lettera del ceceno -. Vi chiedo di voler comprendere il mio dolore per quanto accaduto, ma davvero non ho mai desiderato quanto verificatosi e affermo che si è trattato di una disgrazia. Desidero che siate pienamente convinti che anch'io soffro. Comprendo che sarà difficile per voi perdonarmi, ma insisto nel porgervi le mie più sincere condoglianze; io non volevo fare del male al vostro familiare».


Ultimo aggiornamento: Sabato 1 Ottobre 2022, 08:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA