Neonato morto strangolato in una scarpata: fermata la mamma per omicidio aggravato

Neonato morto strangolato in una scarpata: fermata la mamma per omicidio aggravato

Lo hanno trovato morto, ancora con il cordone ombelicale attaccato, sotto un cespuglio a Lana di Sopra, nel Meranese. La testa del nenonato era avvolta in un panno, legato più volte intorno al collo. La Procura di Bolzano ha fermato nella serata di ieri la mamma, una cittadina romena, accusata di omicidio aggravato nei confronti del proprio figlio e di occultamento di cadavere. Lo comunica una nota della Procura.

Leggi anche > Neonato trovato in una scarpata in Alto Adige: strangolato con un panno



Sono state sentite alcune persone informate sui fatti e sono stati sottoposti a sequestro alcuni oggetti ed indumenti nonché la stanza nella quale la donna soggiornava per motivi di lavoro. Ulteriori elementi sono attesi dall'autopsia. 

«Nel corso della serata sono state sentite alcune persone informate sui fatti - fa sapere la procura - Sono stati sottoposti a sequestro alcuni oggetti e indumenti nonché la stanza nella quale la cittadina rumena soggiornava per motivi di lavoro. Le indagini sono ancora in corso si è in attesa di avere ulteriori elementi dall'autopsia che è stata disposta».

Il corpo senza vita del neonato è stato trovato da turisti in una scarpata, come scrive il quotidiano Dolomiten. La testa del bambino era avvolta in un panno, legato più volte intorno al collo. Il corpicino, ancora con il cordone ombelicale, si trovava sotto un cespuglio. La morte - prosegue il giornale - risalirebbe ad alcune ore prima del ritrovamento. 
Mercoledì 18 Settembre 2019, 10:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA