Negoziante reagisce al rapinatore. Ferito con l'accetta durante lo scontro

CONEGLIANO - Un coltello, poi un'accetta, la colluttazione, due colpi nel giro di meno di un'ora, e un ferito. Sono questi gli elementi sostanziali per descrivere quello che è successo la mattina del 15 febbraio a Conegliano, dove un pregiudicato italiano di 20 anni ha messo a segno una rapina e ha tentato di portarne a termine una seconda, finendo fortunatamente in manette.

I FATTI
Ore 9 - Colpo all'Eat's Store & Bistrò. Il pregiudicato è entrato nel negozio armato di coltello, mostrandolo ai commessi e scappando con alcune bottiglie di vino. Il personale del negozio ha subito allertato la polizia che ha iniziato un pattugliamento della zona, ed è proprio durante questi controlli che gli agenti hanno notato due uomini che si stavano picchiando in via Rosselle, uno dei quali era armato di accetta.

Alle 10, mezz'ora dopo il colpo all'Eat's, il 20enne era entrato nel negozio di elettronica Cash fot Phones insieme a un complice, minacciando con l'accetta il titolare, un uomo del '66 che non ha esitato a reagire, cercando di sbattere fuori dal locale il giovane. Il complice è fuggito immediatamente. Da qui è nata la zuffa intercettata dalla polizia. Quando gli agenti sono intervenuti il titolare era stato ferito a una mano dal 20enne, fortunatamente non in modo grave. Il pregiudicato è stato subito arrestato, il complice rintracciato poco dopo e posto ai domiciliari. 
 

 
Ultimo aggiornamento: 15:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA