Napoli, ragazza ucraina muore in un incendio: aveva 23 anni. Il compagno fermato per omicidio

Napoli, ragazza ucraina muore in un incendio: aveva 23 anni. Il compagno fermato per omicidio

Anastasiia, arrivavata in Italia da circa due mesi, è morta nell'incendio divampato in vico I Sant'Antonio Abate, a Napoli

Non è stato un tragico incidente ma un incendio doloso quello che ha ucciso Anastasiia Bondarenko, la 23enne ucraina il cui corpo carbonizzato era stato trovato lo scorso 10 marzo nella sua abitazione di vico I Sant'Antonio Abate, a Napoli. I carabinieri della stazione Borgo Loreto di Napoli hanno sottoposto a fermo il cittadino ucraino di Dmytro Trembach indiziato dell'omicidio di Anastasiia.

 

Secondo quanto accertato dalle indagini fin qui svolte e coordinate dalla Procura di Napoli, Trembach avrebbe causato la morte della 23enne, alla quale era legato da un rapporto sentimentale, dando fuoco all'appartamento nel quale vivevano la vittima, la figlia di 5 anni, che venne tratta in salvo, e altri connazionali.

 

Leggi anche > Incendio in casa, morta una 46enne disabile: Luana sorpresa dalle fiamme a letto

 

Anastasiia, arrivavata in Italia da circa due mesi, si trovava nell'abitazione con la figlia di 5 anni, quando è divampato l'incendio. Per lei non c'è stato nulla da fare: è morta carbonizzata dalle fiamme. La bambina invece, che si trovava in un'altra zona della casa, è stata messa in salvo e non ha riportato danni. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 17 Marzo 2022, 21:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA