Napoli, petardi contro gli avversari alla partita benefica: un ragazzo ferito alle mani e al volto

Il lancio di petardi tra i sostenitori delle due squadre, appartenenti a due scuole superiori della città

Napoli choc, petardi contro gli avversari alla partita benefica: un ragazzo ferito alle mani e al volto

Doveva essere una giornata di sport e solidarietà, si è trasformata in un episodio vergognoso. Ieri, a Napoli, durante una partita benefica tra le squadre di due licei della città, c'è stato un lancio di petardi da una tifoseria all'altra ed un ragazzo è rimasto ferito in modo serio, al volto e alle mani.

Leggi anche > Tony Colombo e Tina Rispoli, sequestrate auto e denaro: accusa di riciclaggio aggravato da metodi mafiosi

Napoli, ragazzo ferito al volto e alla mano da un petardo

Ha subito il distacco di un dito della mano destra lo studente del liceo napoletano Sannazaro ferito alle mani e al volto dopo aver raccolto un petardo lanciato dagli spalti occupati dai sostenitori di un altro liceo napoletano, il Tito Lucrezio Caro, nel corso di un torneo di calcio tra istituti superiori del capoluogo partenopeo organizzato per raccogliere fondi destinati alla fondazione Telethon. I fatti - di cui riferiscono oggi vari organi di stampa - risalgono al primo pomeriggio di ieri. In campo le rappresentative del liceo scientifico Tito Lucrezio Caro e del liceo classico Jacopo Sannazaro, due istituti storici della città. Sugli spalti del centro sportivo Simpatia di Pianura 450 spettatori assiepati. Dalla gradinata riservata al Tito Lucrezio Caro partono alcuni petardi (due, forse tre) all'indirizzo del settore occupato dai rivali del Sannazaro. Uno di questi viene raccolto da un 17enne - sembra per evitare che raggiunga un' amica nelle vicinanze - il quale viene investito dall'esplosione dell'ordigno. Portato al vicino ospedale San Paolo, è stato trasferito per la gravità delle lesioni riportate al Vecchio Pellegrini dove in serata è stato sottoposto a intervento chirurgico per ripristinare la funzionalità dell'arto offeso. È caccia adesso alla persona che ha lanciato i petardi: al setaccio i nominativi di chi ha acquistato i biglietti e anche un video. Sul luogo è stata rinvenuta una borsa con altri petardi. Choc tra gli organizzatori. Sull'episodio indaga il commissariato di polizia di Pianura.

Napoli, rinviata la seconda partita benefica

L'associazione Arend ha deciso di rinviare la seconda partita della manifestazione di beneficenza « Goaloflife» a favore di Telethon, in programma domani allo stadio Simpatia di Pianura, zona occidentale di Napoli, tra gli studenti dei licei Umberto e Mercalli. La decisione è stata presa «in segno di vicinanza e solidarietà» a seguito dei fatti avvenuti ieri durante la prima partita della manifestazione tra gli studenti dei licei Sannazaro e Tito Lucrezio Caro, che hanno visto coinvolto un alunno del liceo Sannazaro che è stato ricoverato e operato in seguito al lancio di un petardo sugli spalti. «Un gesto tanto vile non dovrebbe compromettere un momento di festa e solidarietà, ma non ce la sentiamo di far giocare una partita di beneficenza sapendo che uno dei ragazzi è in ospedale in seguito a un episodio del genere» spiega Andrea Zungri, presidente di Arend. «Per quanto sia ipotizzabile che il lancio del petardo sia avvenuto dall'esterno della struttura - aggiunge Zungri - fin dai primi minuti successivi all'avvenimento stiamo collaborando con le forze dell'ordine, comunque già presenti allo stadio al momento dell'episodio insieme all'ambulanza, per ricostruire con certezza i fatti e per individuare l'autore del lancio. Si tratta di un comportamento sconsiderato che non può essere definito una semplice bravata e dal quale la nostra associazione prende ovviamente le distanze. Siamo certi di aver preso la decisione giusta, rinviamo l'evento sicuri di poter avere tra di noi anche il giovane ragazzo vittima dell'episodio, al quale vogliamo far sentire la nostra vicinanza. Lo aspettiamo presto per un giorno di festa», conclude il presidente di Arend.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Dicembre 2021, 17:11
© RIPRODUZIONE RISERVATA