Napoli, l'avvocato è nero e il giudice non gli crede: «Mi faccia vedere il tesserino, è laureato?»

Napoli, l'avvocato è nero e il giudice non gli crede: «Mi faccia vedere il tesserino, è laureato?»

«Ci sono rimasto un po' male, ma non voglio parlare di razzismo». Sta facendo già molto discutere il caso di Hilarry Sedu, avvocato italiano di origine nigeriana, che oggi ha vissuto un episodio spiacevole al Tribunale per i minorenni di Napoli, dove un giudice onorario, non credendo che potesse essere un legale, gli ha chiesto il tesserino e se fosse davvero laureato.

 

Leggi anche > Moglie e suocera del boss percepiscono per 15 anni il vitalizio per le vittime di camorra: sequesto da 166 milioni di euro

 

Hilarry Sedu è anche consigliere dell'Ordine degli avvocati di Napoli e alle ultime regionali in Campania si era candidato in una lista a sostegno di Vincenzo De Luca. L'esperienza professionale (e non solo), quindi, non manca al legale di origini nigeriane, che ha rivelato quanto accaduto stamattina, non senza un pizzico di ironia. «Era giunto il mio turno per la discussione di una causa, quando il neo magistrato onorario mi ha chiesto di esibire il tesserino di avvocato: lo faccio. Stupita o stupida, mi chiede se sono avvocato, poi ancora, mi chiede se sono laureato. Vi giuro che non è una barzelletta» - racconta Hilarry Sedu - «Impulsivo come sono, ero tentato di insultarla, ma ho voluto mettere avanti il bene della causa da trattare, perché ne vale della vita della mia assistita e della sua bambina. No, non è razzismo, è solo idiozia. E incompetenza di un organo amministrativo che non sa scegliere i componenti privati in ausilio della macchina giustizia».

 



 

 

Il post, pubblicato su Facebook, si conclude così: «Comunque, cara giudice (onorario), sono anche Consigliere dell'Ordine degli Avvocati di Napoli». L'avvocato napoletano, poi, al telefono con l'Ansa è stato più duro: «Quel giudice onorario andrebbe rimosso, perché non è possibile che accadano ancora cose del genere, sintomo di un retropensiero duro a morire».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 3 Febbraio 2021, 21:51
© RIPRODUZIONE RISERVATA