Movida fuori controllo, i residenti esasperati comprano un bar e lo fanno chiudere: «Diventerà un negozio»

Il Comune pronto ad aiutare l'ex proprietario a trovare una nuova location in centro

Movida fuori controllo, i residenti esasperati comprano un bar e lo fanno chiudere: «Diventerà un negozio»

Dopo 30 anni, il bar Zanellato chiude i battenti. Meta indiscussa dell'aperitivo universitario a Padova, era l'incubo dei residenti, che avrebbero unito le forze per comprare il locale, così da mettere la parola fine alla movida e al frastuono. La proprietaria ha messo in vendita il locale e l'attuale proprietario si è defilato, mettendosi in cerca di una nuova location. Adesso il locale sarà adibito ad appartamento o diventerà un negozio al dettaglio.

Tutti i redditi del Governo: Meloni settima, Nordio il più ricco, Fitto e Tajani in fondo. Quanto dichiarano i ministri

Allenatore picchiato al termine della partita, aggressione choc a Simone Venturi: il tecnico ricoverato in ospedale

Come si trasformerà il bar

«Il Piano degli Interventi prevede la trasformazione di quell’immobile da area commerciale a residenziale, non in garage - spiega l’assessore al Commercio Antonio Bressa al Corriere Veneto - potrebbe quindi diventare un appartamento, ma è più facile che venga messo in affitto per altre attività commerciali dedicate alla vendita al dettaglio», le sue parole.

Matteo Berrettini e Melissa Satta stanno insieme? La foto che conferma il gossip: «Si sono baciati al ristorante»

L'ex proprietario: cercherò un altro posto

Tutto finito, dunque? Nemmeno per idea. L'ex proprietario è pronto a ripartire altrove: «Non ho intenzione di demordere. In fondo non è una questione di bollette, crisi o mala gestione. Gli affari andavano bene, devo andare via solo per il mancato rinnovo del contratto di affitto», le parole di Zannoni a Il Gazzettino. E il Comune potrebbe dargli una mano, magari per una nuova location non distante da quella originale.

«Ho incontrato il titolare Dario Zannoni - dice ancora Bressa - e offerto la nostra collaborazione per trovare una soluzione che permetta a questa attività di continuare a vivere con nuova veste in altro luogo del centro storico, vista l’indisponibilità degli attuali proprietari a prorogare il contratto di affitto. Speriamo ci siano le condizioni per un epilogo positivo per il quale ci vogliamo impegnare al suo fianco».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Gennaio 2023, 11:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA