Movida e giovani, l'epidemiologo Lopalco: «Gli eventuali effetti li vedremo a metà giugno, quando si ammaleranno i genitori»
di Emiliana Costa

Movida e giovani, l'epidemiologo Lopalco: «Gli eventuali effetti li vedremo a metà giugno, quando si ammaleranno i genitori»

Movida e giovani, l'epidemiologo Lopalco: «Gli eventuali effetti li vedremo a metà giugno, quando si ammaleranno i genitori». Pierluigi Lopalco, il responsabile della task force per l'emergenza coronavirus in Puglia, ha commentato ad Agorà su Rai3 le immagini degli assembramenti visti nei giorni scorsi.

Leggi anche > Test sierologici, se vi chiama questo numero di telefono rispondete: è la Croce Rossa. Effettuate 7300 telefonate, da mercoledì a Roma

«Gli effetti eventuali della movida - ha affermato - non li vedremo tra una settimana. Ma si vedranno molto più in là, almeno intorno a metà giugno. Un'eventuale circolazione del virus tra i giovani si scopre molto in ritardo, perché tra i giovani il virus circola in modo subdolo e inapparente. Ce ne accorgeremo quando trasmetteranno la malattia ai genitori».



E continua: «Se tra i ragazzi c'era qualche positivo che ha attivato catene di trasmissione, dobbiamo aspettare due o tre generazioni di casi, quindi servono tre settimane come minimo. Ci sono ben 21 indicatori messi a punto dal Ministero della Salute per comprendere come sta andando l'epidemia. Gli effetti delle aperture saranno monitorati, anche se non velocemente».
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 27 Maggio 2020, 00:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA