Bolzano, colpito da fulmine: cuoco di 36 anni muore folgorato davanti al rifugio

Video
di Andrea Zambenedetti

Altra tragedia della montagna, pare provocata da un fulmine: a pochi giorni dalla morte di una atleta impegnata in una corsa in montagna, in Alto Adige, questa mattina a Pralongià di Livinallongo, è stato trovato il corpo senza vita di un lavoratore stagionale che è in servizio in un rifugio della zona.

Meteo, nuova "bomba" di caldo: addio tregua, temperature a 40 gradi

La probabile causa del decesso è un fulmine. Doveva prendere servizio  nel rifugio, ma non vedendolo arrivare i gestori hanno dato l'allarme: il corpo è stato poi ritrovato a qualche centinaio di metri di distanza.  La vittima è un cuoco di 36 anni, Daniele Del Nobile, originario di Manfredonia in Puglia.

Era in un momento di pausa quando è uscito dal posto di lavoro al rifugio Pralongia che si trova nel territorio comunale di Corvara in provincia di Bolzano. Per poche decine di metri il suo corpo è stato trovato però nel versante Veneto. Sul posto sono intervenuti i carabinieri di Cortina che hanno avvertito il pubblico ministero di turno che a sua volta ha disposto il trasferimento alla Pieve di Livinallongo del Col di Lana.

Nella zona si stava abbattendo un forte temporale quando è avvenuta la tragedia, per questa ragione l'ipotesi ritenuta più probabile è quella che a colpirlo sia stato un fulmine.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 31 Luglio 2019, 17:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA