Si "spegne" la televisione: muore a 98 anni Carlo Vichi, patron della Mivar
di Danilo Barbagallo

Si "spegne" la televisione: muore a 98 anni Carlo Vichi, patron della Mivar

Carlo Vichi muore a 98 anni. Imprenditore lungimirante, con la azienda era diventato il re dei televisori italiani

A 98 anni scompare Carlo Vichi. Carlo Vichi era patron della “Mivar”, azienda nata negli anni settanta e diventata primo produttore di televisori in Italia.

 

 

Leggi anche > Denise Pipitone, a Storie Italiane il giallo della nave per Tunisi

 

 

 

 

Carlo Vichi: morto il patron della Mivar, re dei televisori italiani

 

 

A 98 anni si spegne Carlo Vichi, il re dei televisori italiani con la sua “Mivar”, leggendaria azienda nata negli anni settanta. L’avventura imprenditoriale di Carlo Vichi inizia nel 1945, quando fonda la Vichi Apparecchi Radio (VAR), che si occupava di riparazione e costruzione artigianale di radio a valvole per conto di altre società del settore. L’azienda si trasforma nel 1968 nella Mivar, occupa uno stabilimento ad Abbiategrasso che impiega quasi 800 dipendenti e tra gli ottanta e i novanta vive il suo periodo d’oro, diventando il primo produttore nazionale di televisori e leader di mercato. La Mivar va poi in crisi nei primi anni 2000 con l’arrivo degli schermi piatti e delle smart tv e, dopo aver ridotto drasticamente il numero di operai occupati, cessa definitivamente la produzione nel 2013.

Carlo Vichi si è sposato nel 1944 a soli 21 anni con Annamaria Fabbri, allora diciottenne e la coppia ha avuto quattro figli. Per i funerali non sono previste autorità, dato che lo stesso Vicky aveva chiesto «una bella festa all’interno della nuova Mivar».


Ultimo aggiornamento: Lunedì 20 Settembre 2021, 22:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA