Morto al Cardarelli, l'autore del video a Pomeriggio 5 contro De Luca: «Mi vergogno di chi mi governa». E i parenti del paziente lo ringraziano
di Silvia Natella

Morto al Cardarelli, l'autore del video a Pomeriggio 5 attacca De Luca: «Mi vergogno di chi mi governa». E i parenti del paziente lo ringraziano

Parla a Pomeriggio 5 l'autore del video girato all'ospedale Cardarelli che mostra il paziente Covid morto nel bagno. Rosario, questo è il nome della persona che ha diffuso il filmato, sta male a causa del coronavirus e spiega che il suo intento era quello di denunciare quello che accade al pronto soccorso. Da Barbara D'Urso, che gli legge in diretta le parole del presidente della Campania Vincenzo De Luca contro di lui, replica di vergognarsi di chi lo governa. Intanto, i parenti del paziente 84enne deceduto, Giuseppe Cantalupo, lo ringraziano perché grazie a lui hanno scoperto la verità.

 

Leggi anche > Coronavirus in Italia, il bollettino di oggi venerdì 13 novembre. 550 morti e record di contagi: 40.902 casi in più

 

«Ci vuole uno stomaco e una forza non comune. Un uomo era morto e questo girava un video. Ha anche trovato il tempo per metterlo sui social. Questo episodio è diventato motivo di altro sciacallaggio nei confronti della Campania. Non ci sono parole», aveva commentato De Luca. «Non mi abbasso ai suoi livelli. Io sono fiero di essere napoletano, mi vergogno di chi mi governa. Se io non filmavo, come lo dichiaravate morto? Nel lettino? Non per mancanza di ossigeno? Poteva essere uno dei familiari», la replica di Rosario, che precisa: «Non l'ho pubblicato io sui social». 

 

Intanto, vengono mandate in onda le parole della figlia e della nipote di Cantalupo: «A noi hanno detto che era deceduto nel suo letto a causa di un attacco cardiaco. Dopo, ci ha chiamato la polizia per chiederci se volevamo sporgere denuncia perché era uscito un video. Grazie a Rosario abbiamo scoperto com'è morto, noi eravamo a conoscenza di altro. Non meritava di morire così, abbandonato e senza un'aiuto. Grazie per aver fatto capire cosa è realmente successo». 

 

 


Ultimo aggiornamento: Venerdì 13 Novembre 2020, 18:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA