Annega negli abissi dell'Angola: muore al lavoro subacqueo di 42 anni
di E.B.

Annega negli abissi dell'Angola: muore al lavoro subacqueo di 42 anni

Un tecnico subacqueo triestino, Wolfrang Galletti di 42 anni, è morto mentre era impegnato in operazioni subacquee negli abissi dell'Angola. La dinamica dell'infortunio non è al momento ancora chiara ma sembrerebbe che l'uomo sia stato travolto da un sealine alla profondità di 70 metri in stato di saturazione. Galletti sarebbe dunque rimasto schiacciato sul fondale. 

Il 42enne era operatore tecnico subacqueo altofondalista in un cantiere subacqueo della Azienda Italiana Rana Diving S.p.A. in Angola. Si trovava a lavorare su un fondale ad una profondità di 82 metri circa, occupato nelle operazioni di riparazione subacquee di una sea-line, quando, per dinamiche non ancora ben chiare e definite, è rimasto schiacciato. Nonostante le celeri operazioni di recupero dell'infortunato, e il pronto intervento dei colleghi esperti in primo soccorso iperbarico avanzato, il corpo di Wolfrang Galletti è giunto privo di segni vitali nell'habitat iperbarico in superfice. Inutili i prolungati tentativi di rianimarlo.

IL CORDOGLIO
A.A.S.P.I. (Associazione delle Attività Subacquee Professionali Italiane) «si unisce al dolore della sua famiglia e dei colleghi tutti per la perdita di un amico in primis ed esperto collega, con un esperienza ventennale nel settore e da poco anche certificato Closed Bell IMCA Diving Supervisor. A lui i nostri pensieri più profondi e ricordi migliori, ciao WOLF, ieri sarebbe stato il tuo compleanno, in molti ti abbiamo inviato i nostri migliori auguri, purtroppo ignari che stavi già intraprendendo il lungo viaggio. Salutaci il resto del Team che ti accoglierà per le nuove avventure. Sempre con Noi !!!».
Ultimo aggiornamento: Lunedì 30 Dicembre 2019, 10:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA