Morto a 15 anni investito dal treno a Chiari: Elion era un calciatore. Il dolore dei compagni: «Ciao bomber»

Sui social è comparso il commovente saluto della sua squadra di calcio: "Ciao bomber"

Morto a 15 anni investito dal treno: Elion era un calciatore. Il dolore dei compagni: «Ciao bomber»

Elion Shala era un ragazzo di 15 anni, di origini albanesi, e nella serata di ieri, domenica 22 gennaio, è stato travolto e ucciso da un treno alla stazione di Chiari, in provincia di Brescia. Il giovanissimo ha tentato di attraversare i binari proprio quando è passato il treno che lo ha colpito di striscio e per lui non c'è stato nulla da fare.

Leggi anche > Morto a 15 anni investito dal treno: aveva tentato di attraversare i binari a Chiari

 «Ciao Bomber»

 

«Trovare le parole giuste in questi momenti è sempre difficile: figuriamoci in questo caso che ha coinvolto il nostro bomber di 15 anni! Elion ci lasci il tuo perenne sorriso e la grande vitalità. Sei stato capace di farti volere bene da tutti in quanto affabile e disponibile con tutti. Cercheremo di stare vicino a Erion, a mamma Matilda e a papà Ilir per farli sentire meno soli. Ciao Bomber». Con queste parole il Chiari Football Club, su Facebook, ha voluto salutare Elion Shala, il giovanissimo di origini albanesi, ma nato e cresciuto a Chiari, dove giocava a calcio.

 

La tragedia

Il macchinista non ha potuto frenare. Secondo una prima ricostruzione, infatti, Elion era con una comitiva di amici. Erano appena scesi dal treno in arrivo da Milano. Stavano per attraversare i binari e il ragazzo di 15 anni è stato il primo a cercare di passare quando proprio in quel momento è arrivato un altro treno da Brescia. Per lui non c’è stato nulla da fare e la tragedia si è consumata davanti agli occhi degli altri amici che avevano deciso di utilizzare il sottopassaggio. Sul posto sono accorsi subito i sanitari, i carabinieri e i vigili del fuoco, ma Elion è morto sul colpo. Poco dopo anche i genitori del ragazzo sono arrivati in stazione. La situazione è immediatamente apparsa in tutta la sua drammaticità. Per potere ricomporre la salma del ragazzo la circolazione ferroviaria è stata interrotta e l’entrata alla stazione transennata per rispetto della privacy del ragazzino e della sua famiglia. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 24 Gennaio 2023, 08:10
© RIPRODUZIONE RISERVATA