Milano, viaggio in stazione Centrale fra degrado e bivacchi Foto e Video

Video
di Ernesto De Franceschi

E' la cartolina di Milano per migliaia di turisti che ogni giorno sbarcano in città. E come primo impatto c'è da dire che non è granché.  Anzi, fa proprio schifo. Il giorno dopo l'accoltellamento a un poliziotto da parte di un immigrato della Guinea poco più che trentenne con in mano un decreto d'espulsione ma che, come tanti, non se ne era andato dalla Italia siamo andati a farci un giro attorno alla stazione centrale .

E quello che abbiamo trovato è una storia di tristezza degrado e solitudine. In piazza Duca d'Aosta ci sono le camionette di esercito e carabinieri  a controllare la situazione.  Ma già di buon mattino i bivacchi a pochi passi dai militari in divisa non si contano.  C'è chi dorme in mezzo al prato, chi si fa uno shampoo sul muretto versandosi in testa una bottiglia d'acqua davanti alle facce sorprese di pendolari e turisti con le valigie e chi beve birra in lattina e vino in brik già alle 9 del mattino.

Per terra, nonostante la pulizia dei mezzi Amsa, ci sono lattine e cartacee. Le aiuole sono piene di coperte e cartoni. Il letto di chi in queste notti d estate dorme sotto le stelle. Le panchine di marmo vicino all entrate della stazione sono tutte occupate da immigrati che aspettano chissà chi o chissà cosa.  Qualcuno dorme disteso con la bottiglie di vino accanto.  Sedersi è impossibile: chi volesse un attimo di relax è costretto a salire ai binari, sperando di trovare un seggiolino libero. Ci sono tanti giovani e giovanissimi di colore. 
 

 

Tutti probabilmente hanno sfidato il mare per sbarcare in Italia cercando fortuna e ritrovandosi invece su un piazzale assolato che raggiunge anche i 40 gradi in  questi giorni di afa opprimente. La puzza di urina in alcuni angoli della piazza è insopportabile e nauseabonda.  Perfino i turisti si tappano il naso quando passano. A mezzo chilometro c'è la Milano dello skyline, della movida, degli affarie della moda.  Ma quello è un altro mondo.  Quella della Centrale sembra un'altra città, lontana anni luce.


Ultimo aggiornamento: Martedì 18 Luglio 2017, 17:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA