Migranti, Malta autorizza sbarco di 65 dalla Alan Kurdi. «Saranno distribuiti in altri paesi»

Via libera dal governo di Malta allo sbarco dei 65 migranti a bordo della Alan Kurdi, la nave di Sea Eye. Saranno poi tutti ricollocati in altri Paesi europei, fa sapere il premier Joseph Muscat.

Migranti, Giovanni Soldini al capitano dell'Alex: «Bravo Tommaso, hai fatto il marinaio»


Mentre i migranti sul veliero Alex di Mediterranea sono stati sbarcati poco prima dell'una di notte a Lampedusa, la nave Alan Kurdi ha cambiato rotta dirigendosi verso Malta, con 65 migranti a bordo, l'accesso alle acque territoriali. Il governo ha incaricato le forze armate di «intraprendere le azioni appropriate se la nave dovesse entrare» entro le 12 miglia dall'arcipelago. La nave nella notte aveva deciso di fare rotta dalle acque al largo di Lampedusa verso Malta.

Lampedusa, bloccato traghetto di linea: il molo è occupato dal veliero Alex con i naufraghi
I comandamenti di Carola, l’ultima vestale neo global
Migranti a Lampedusa, tensione nel governo. Salvini: lasciato solo da ministri Difesa ed Economia


Intanto il veliero Alex è stato sequestrato e e il capitano Tommaso Stella indagato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina. «La notizia dell'intero equipaggio indagato risulta invece priva di fondamento», spiega Mediterranea. Alcuni migranti sono stati portati alla Guardia Medica, gli altri all'hotspot. 
«La Finanza sta effettuando sequestro penale preventivo della nave dei centri sociali. Bene», ha commantato il ministro dell'Interno, Matteo Salvini.

«Il capitano della nave Alex è stato indagato per favoreggiamento della immigrazione clandestina, per disobbedienza di nave da guerra e violenza a nave da guerra. Gli stessi reati contestati alla Comandante della Sea watch, Carola Rackete». Lo ha detto Alessandra Sciurba, portavoce della Mediterranea a Lampedusa dopo lo sbarco dei migranti sulla Alex.

«Ancora non mi è stato notificato nulla, l'ho appreso dai giornalisti. Ce l'aspettavamo, è già successo con la Mare Jonio che abbiano indagato il comandante e il capo missione. Io non ho paura, è un atto dovuto. Del resto siamo stati noi i primi a rivolgerci alla magistratura per chiedere l'apertura di un'inchiesta». Così il capo missione di Mediterranea Erasmo Palazzotto, parlamentare di Sinistra Italiana, ha commentato la notizia della sua iscrizione nel registro degli indagati.
 
 

È durata quasi 4 ore la perquisizione che la Guardia di finanza ha realizzato, stanotte, sulla barca Alex della Ong Mediterranea. Perquisizione che è stata effettuata dopo lo sbarco di tutti i migranti. Sono stati acquisiti documenti e non è escluso che nelle prossime ore vengano acquisiti anche i video realizzati dai giornalisti che erano a bordo del veliero. L'informativa verrà poi, verosimilmente entro oggi, trasmessa dalle Fiamme gialle alla Procura di Agrigento. Risulta indagato, per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina, il capitano Tommaso Stella.
 


Il sindaco di Lampedusa ha però lanciato l'allarme sull'hotspot «al collasso. Ci sono oltre duecento persone. Cento persone in più del previsto. Il Viminale ci aiuti», ha detto all'Adnkronos Salvatore Martello che ha seguito gli ultimi sviluppi della vicenda della barca Alex. «La capienza è di 97 persone - dice - pure i poliziotti hanno dovuto lasciare gli alloggi per fare spazio». 
Ultimo aggiornamento: Domenica 7 Luglio 2019, 17:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA