Migrante in bici scaraventato a terra da due ragazzi per «puro divertimento» Foto
di Simone Pierini

Bari, migrante in bici scaraventato a terra da due ragazzi per «puro divertimento» Foto

Un migrante originario del Bangladesh in bici è stato scaraventato a terra da due ragazzi per «puro divertimento». Un episodio di violenza e razzismo che è stato denunciato con un post sul proprio profilo Facebook dall'assessore alla welfare del Comune di Bari, Francesca Bottalico, che spiega di essere stata testimone dell'aggressione ai danni del giovane ciclista del Bangladesh.



«Il razzismo mi fa schifo. Oggi - scrive - sono stata testimone involontaria di un episodio di violenza e razzismo, di un atto vigliacco nei confronti di un giovane ciclista sulla trafficata via Fanelli. Eravamo fermi a un semaforo, quando, in direzione opposta, un ciclista del Bangladesh veniva affiancato da due ragazzi su un grosso scooter che, violentemente e per puro 'divertimento', lo scaraventavano a terra per poi scappare via».

«Abbiamo assistito increduli a ciò che era appena accaduto
- prosegue il racconto -. Abbiamo soccorso il ragazzo che era a terra, dopo aver sbattuto violentemente la testa. Per fortuna Polizia municipale e ambulanza sono intervenuti presto».

Proprio grazie ai numerosi testimoni dell'aggressione è stato possibile recuperare alcuni numeri della targa dello scooter di grossa cilindrata, che conducente e passeggero hanno tentato di nascondere, consegnati alla Polizia locale che, attraverso anche l'ausilio delle telecamere di sorveglianza, è ora sulle tracce dei due ragazzi. «Quanta indignazione e quanta rabbia per un gesto così violento e senza senso. Ma anche tanta solidarietà e desiderio di denunciare e contrastare simili episodi di odio e razzismo - conclude l'assessore Bottalico -. Accompagneremo e ascolteremo questo ragazzo nei prossimi giorni. Nessuno, qui e altrove, deve sentirsi solo e indifeso»
 

Ultimo aggiornamento: 20:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA