Maltempo, esonda il fiume Enza: "Mille evacuati nel reggiano". Tracima anche il Secchia, due persone salvate

  • 9
    share
Fatica a tornare alla normalità la situazione meteo in Italia investita da una forte perturbazione che ha portato neve al Nord e forti venti al Centro-Sud. Alcune linee ferroviarie sono state riattivare oggi al Settentrione, ma stamani risultano difficili i collegamenti con le isole. Ecco la situazione.

LEGGI ANCHE ---> Gelicidio, ecco che cos'è e perché è pericoloso​



ESONDA IL FIUME ENZA È in corso, nel Reggiano, a Lentigione, nel Comune di Brescello, l'evacuazione di oltre mille persone per la tracimazione del fiume Enza. Il fiume ha rotto gli argini e ha invaso l'abitato e la zona industriale. Per l'evacuazione delle persone si sta usando anche un elicottero. Per la piena dell'Enza è stata interrotta anche la statale 63. Situazione meno preoccupante, invece, dove il fiume ha riempito le golene, ma non si registrano situazioni particolari anche se alcune piccole frazioni sono state evacuate per precauzione.
 


Sotto osservazione, nel Parmense, anche il torrente Parma che è tracimato nella zona di Colorno allagando giardini e spazi esterni. Il maltempo dei giorni scorsi sta provocando disagi anche in Appennino, dove alcune strade provinciali sono state chiuse per frane e dove alcune abitazioni sono senza elettricità e collegamenti telefonici.

TRACIMA ANCHE IL SECCHIA Il fiume Secchia, nel Modenese, è tracimato allagando una parte di Campogalliano. I vigili del fuoco hanno tratto in salvo due persone e degli animali. Sono in corso le operazioni di recupero di altri residenti. Sempre nel Modenese, in alcune frazioni di Carpi e Bomporto sono state chiuse le scuole. A Carpi, il Comune informa che alle 15 verrà chiuso il ponte di San Martino Secchia e ai residenti della frazione «si consiglia di portare ai piani alti delle loro abitazioni gli oggetti più importanti». 

TRENI. Riattivate alcune linee ferroviarie nelle regioni del Nord-Ovest dopo i forti disagi causati dal maltempo e dal gelicidio. A darne notizie è un comunicato di Rete Ferroviaria Italiana che fa il punto della situazione alle 6.30. Nella nota si riferisce che «il traffico ferroviario, dopo le verifiche di circolabilità fatte da parte dei tecnici di RFI, potrà riprendere gradualmente sulla linea Torino-Modane e sulla Pontremolese (Parma-La Spezia). Durante tutta la notte le continue corse raschia-ghiaccio hanno permesso di mantenere in efficienza i sistemi di alimentazione elettrica dei treni».

Rimane fortemente rallentata la circolazione su alcuni punti della rete ferroviaria in Liguria, dove - così come nelle altre regioni colpite dal gelicidio - sono attivi i piani neve e gelo di Rete Ferroviaria Italiana. Questa la situazione nelle regioni interessate dal maltempo alle ore 6.30, secondo quanto riferito da Rfi: - Piemonte: Linea Torino-Bardonecchia-Modane riattivata fra Bussoleno e Bardonecchia, dopo la sospensione dalle 18.15 di ieri per precipitazioni nevose abbondanti sul suolo. - Piemonte-Liguria: Linea Savona-San Giuseppe di Cairo, traffico rimane ancora sospeso. Linea Genova-Acqui Terme riattivata alle 6.30 di questa mattina. - Liguria-Lombardia-Piemonte: Linee Genova-Milano e Genova-Torino via Mignanego è attiva fra Genova e Ronco. Rimane attivo il servizio sostitutivo con bus fra Ronco Scrivia e Tortona. Linee Genova-Milano e Genova-Torino via Busalla rimangono ancora sospesa con attivazione servizi sostitutivi con bus. - Emilia Romagna-Liguria: Linea Parma-La Spezia: riattivato il tratto fra Borgo Val di Taro e Parma. Rete Ferroviaria Italiana, gestore dell'infrastruttura ferroviaria nazionale, comunica che il servizio potrà ridursi qualora la situazione dovesse nuovamente peggiorare oltre le normali condizioni di circolabilità, in base alle previsioni meteorologiche della Protezione Civile.

EGADI ISOLATE. Siremar rende noto che «a causa delle avverse condizioni metereologiche le corse delle motonavi Caronte e Vesta previste con partenza da Trapani per le Egadi alle 6,30 e 7 sono state sospese». A «causa del persistere delle avverse condizioni metereologiche», Siremar rende anche noto che la motonave Sibilla non effettuerà la corsa prevista per le 8,30 sulla tratta Palermo-Ustica.
Martedì 12 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 15:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2017-12-12 10:53:06
Treni moderni ahahahah
DALLA HOME